6.1 C
Sessa Cilento
mercoledì, 6 Dicembre 2023
Prima PaginaMeteo CilentoMeteo Cilento: l’estate riprende vigore, ondata di caldo a Ferragosto?

Meteo Cilento: l’estate riprende vigore, ondata di caldo a Ferragosto?

Data per spacciata prematuramente da informazioni non fondate scientificamente e non provenienti da meteorologi professionisti, l’estate non è affatto finita. La settimana di ferragosto vedrà il ritorno di caldo normalmente estivo.

Un’intensa ondata di caldo colpirà l’Europa occidentale, soprattutto la Francia e lambirà il nordovest della nostra penisola. Dopo un break temporalesco a metà settimana, verso ferragosto il caldo potrebbe intensificarsi specie nelle regioni centro meridionali. Passiamo ora a vedere in dettaglio cosa succederà nella settimana più attesa dell’anno.

Situazione: promontorio subtropicale in quota

La situazione sinottica che porta il caldo nell’Europa occidentale non è di quelle classiche con un vasto anticiclone africano, e ha posizione dei centri d’azione piuttosto complessa e inusuale.

Osserviamo infatti, centrando l’analisi su domenica 9 agosto, un anticiclone fra il medio Atlantico e la Scandinavia, da cui un promontorio poi si estende fino all’Italia. Questo porterà ancora per un paio di giorni aria fresca e instabile al sud. Fra la Francia e la Spagna invece a fronte di un promontorio di origine africana in quota, al suolo si riscontra una relativa bassa pressione, infatti il caldo sarà così intenso e inusuale, su quelle zone, da portare alla formazione di depressioni termiche, quasi come fossimo in pieno deserto.

Nei primi giorni della prossima settimana il promontorio in quota si sposterà sull’Italia, portando a una netta risalita delle isoterme, con la linea di +20°C a 850 hPa che alcuni modelli indicano impossessarsi di quasi tutta Italia, altri la mantengono un po’ più a ovest. Una momentanea fase instabile con temporali di calore potrebbe concretizzarsi a metà settimana, ma per ferragosto è probabile una risalita del caldo.

Previsioni fino a giovedì 13

I primi tre giorni della settimana di ferragosto saranno estivi, soleggiati e caldi come si deve, ma non eccessivamente. La giornata più calda sarà martedì, con 34-36°C al centro-nord, caldo un po’ fastidioso nelle città ma in Francia sarà ben peggio, Parigi arriverà a 38-39°C, al confine con la Spagna verso i 40°C, a Siviglia anche 42-44°C.

Mercoledì, tornando in Italia, assisteremo, a causa del caldo, a una ripresa di temporali anche forti sulle Alpi e Appennino settentrionale, in locale sconfinamento in Pianura Padana, bel tempo e caldo al centro, sole al sud con aria relativamente più fresca residua da nord est. Giovedì possibili temporali di calore al nord, non esclusi anche fenomeni forti.

E’ una tendenza che dovrete seguire per la conferma e i dettagli nei nostri prossimi aggiornamenti. Qualche temporale arriverà anche al centro, specie fra Toscana Umbria e Lazio, mentre resta stabile altrove, in Sardegna e su tutto il sud.

Ondata di caldo a ferragosto?

E veniamo così a venerdì, sabato e domenica, il ponte di ferragosto, che coincide con il fine settimana. A parte residua variabilità su Alpi e dorsale Appenninica venerdì, queste giornate saranno estive e calde. Non dovrebbe essere un caldo intenso, ma le temperature, dopo i temporali di metà settimana, torneranno a salire 3-5°C sopra la media. Avremo infatti temperature massime in molte zone della penisola a 34-35°C, che, lo ricordiamo, non sono valori normali per l’estate.

O almeno non lo erano fino a una ventina di anni fa, i 34-35°C erano le temperature che si avevano pochi giorni all’anno, all’apice del caldo di fine luglio, mentre ora sono la nuova normalità e complici i cambiamenti climatici, quando ci sono 28-30°C ci sembra, per assurdo, fresco.

A cura della redazione de: ilmeteo.net

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

La filiera della mozzarella di bufala campana Dop fa bene all’ambiente ed è sempre più green e sostenibile. Lo rivela un nuovo studio scientifico, realizzato dal professor Luigi Zicarelli e da Roberto De Vivo, Roberto Napolano e Fabio Zicarelli.
Nuovi collegamenti per le mete sciistiche e turistiche di montagna, più soluzioni di viaggio integrate con treno, bus e aereo e promozioni ad hoc per famiglie e giovani. 
Arriva a dicembre, nel menu della Pizzeria del Corso di Capaccio, l’ultima creazione del talentuoso pizzaiolo cilentano, un’esplosione natalizia di sapori come indica il nome.

Articoli correlati

Fino a questo inizio di seconda decade novembre non si è certo distinto per prove generali di stampo invernale, anzi! Quasi sempre le temperature sono state ben superiori alle medie e ancora ieri si sono superati un po’ in tutte le regioni i 15 gradi di temperatura massima.
Ormai l’autunno è ufficialmente iniziato e la sua tipica instabilità atmosferica ci ha travolto da alcune settimane e sembra non voler lasciarci più.
L’area ciclonica battezzata Ciaran sta approfondendo i suoi minimi tra l’Inghilterra ed il canale della Manica proprio in queste ore. Il centro della depressione al suolo vedrà i barometri scendere sotto i 960 hPa e questo determinerà fortissimi venti occidentali tra il sud dell’Inghilterra e Bretagna e Normandia con raffiche da sudovest fino a 150 km/h.

Dallo stesso Autore

Fino a questo inizio di seconda decade novembre non si è certo distinto per prove generali di stampo invernale, anzi! Quasi sempre le temperature sono state ben superiori alle medie e ancora ieri si sono superati un po’ in tutte le regioni i 15 gradi di temperatura massima.
Ormai l’autunno è ufficialmente iniziato e la sua tipica instabilità atmosferica ci ha travolto da alcune settimane e sembra non voler lasciarci più.
L’area ciclonica battezzata Ciaran sta approfondendo i suoi minimi tra l’Inghilterra ed il canale della Manica proprio in queste ore. Il centro della depressione al suolo vedrà i barometri scendere sotto i 960 hPa e questo determinerà fortissimi venti occidentali tra il sud dell’Inghilterra e Bretagna e Normandia con raffiche da sudovest fino a 150 km/h.