5.8 C
Sessa Cilento
mercoledì, 21 Febbraio 2024
Prima PaginaMeteo CilentoPrevisioni meteo: attenzione al peggioramento

Previsioni meteo: attenzione al peggioramento

Dopo le forti piogge e i temporali che nei giorni scorsi hanno interessato le regioni del nord-ovest, una nuova e più corposa perturbazione mediterranea sta per raggiungere l’Italia, apportando fenomeni anche di forte intensità, ad iniziare dalle regioni del nord-ovest e dalle tirreniche.

Ecco perché si tratta di una perturbazione insidiosa

Lungo il lato ascendente di questo vasto sistema frontale è presente un flusso di aria calda e umida, dai quadranti meridionali, che dall’entroterra desertico algerino risale in direzione del mar delle Baleari, della Francia meridionale e dell’Italia. Tale flusso caldo e umido, “avvettando” aria calda sul Mediterraneo, sta contribuendo a rendere questo fronte sempre più “energetico”, agevolando lo sviluppo di un intenso “forcing” convettivo, sui mari ad ovest dell’Italia. Questi fenomeni convettivi, nel corso della prossima notte e della mattinata di domani, dovrebbero poi evolversi in direzione del mar Ligure e dell’alto Tirreno, arrecando precipitazioni abbondanti anche fra Piemonte occidentale, Liguria, Toscana, Sardegna e regioni tirreniche.

Linea di confluenza venti sul Tirreno

La confluenza, nei medi e bassi strati, evolvendosi verso est, agevolerà le condizioni ideali per la formazione di convenzione organizzata e “MCS” che nel corso della giornata di giovedì interesseranno la Sardegna, estendendosi alle regioni tirreniche, dove sono attesi fenomeni anche di forte intensità. I fenomeni nel corso della serata, grazie allo spostamento verso est di questa linea di confluenza nei bassi strati (fra i venti da O-SO che convergeranno con quelli da SE e S-SE in azione sul medio-basso Tirreno), si muoveranno verso il medio-alto Tirreno, con iniziale coinvolgimento della Liguria di levante ed  alto Lazio. [sg_popup id=”4671″ event=”inherit”][/sg_popup]

Nel frattempo la linea di convergenza, fra i venti da O-SO e Ovest e quelli più intensi da SE e S-SE, evolverà in direzione del medio Tirreno, per raggiungere le coste della Toscana, del Lazio entro il tardo pomeriggio di giovedì, apportando forti rovesci di pioggia e fenomeni temporaleschi, anche di moderata e forte intensità.

Venerdì toccherà al sud e alla Sicilia

Questi temporali, di tipo pre-frontale, alimentati dall’infiltrazione nella media troposfera di aria fredda polare marittima sopra il caldo flusso sciroccale attivo nei bassi strati, si muoveranno verso le coste di Toscana, Lazio e poi verso Campania e Sicilia, dove nella giornata di venerdì non si possono escludere neanche locali nubifragi, con accumuli giornalieri che potrebbero superare punte di oltre i 150-200 mm, creando molti disagi, con smottamenti e il rapido ingrossamento dei principali bacini idrografici.

A cura della redazione de: Il meteo.net

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Centinaia tra sindaci e amministratori della Campania in piazza per dire no all’autonomia differenziata, “una legge truffa che distrugge l’unità d’Italia”
L'associazione dei consumatori ha inviato una istanza-diffida chiedendo chiarimenti, per quanto di competenza, alla Soprintendenza ABAP di Salerno e Avellino, all’ Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale,.....

Articoli correlati

Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Ormai manca davvero poco alla fine dell’inverno meteorologico. La stagione finora è stata molto deludente, soprattutto per la mancanza di ondate di freddo ed eventi nevosi, fino a bassissima quota.
Aria molto calda sormonta la nostra penisola soprattutto in quota, come testimonia la quota dello zero termico che peraltro come vedremo fra poco si innalzerà ulteriormente. L’anticiclone subtropicale non solo non cede ma addirittura tende a rafforzarsi di nuovo con massimo di 1035 hPa sulla Francia.

Dallo stesso Autore

Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Dopo gli ultimi cenni d’instabilità al meridione, a partire dalla giornata di domani (14 Febbraio) il tempo andrà stabilizzarsi su buona parte del territorio nazionale, per il ritorno dell’anticiclone di natura subtropicale, che assicurerà condizioni atmosferiche quasi primaverili.
Ormai manca davvero poco alla fine dell’inverno meteorologico. La stagione finora è stata molto deludente, soprattutto per la mancanza di ondate di freddo ed eventi nevosi, fino a bassissima quota.