10.6 C
Sessa Cilento
venerdì, 24 Maggio 2024
Prima PaginaCilento NotizieGuida Oli d’Italia dedicata agli extravergine. Produttori del Cilento fra i migliori

Guida Oli d’Italia dedicata agli extravergine. Produttori del Cilento fra i migliori

Prodotto principe ed elemento cardine della dieta mediterranea, l’olio extravergine di oliva non è soltanto un condimento riconosciuto per i suoi numerosi effetti benefici sulla salute, ma rappresenta un vero e proprio patrimonio culturale e gastronomico, simbolo della tradizione e della maestria artigianale italiana. Con la Guida Oli d’Italia dedicata agli extravergine italiani, giunta alla sua 14esima edizione, la quinta in doppia lingua, italiano e inglese, presentata ieri (15 Aprile n.d.r.)  al Sol&Agrifood di Verona, che si svolge in contemporanea con Vinitaly, Gambero Rosso traccia una mappa che vuole celebrare la ricchezza e la diversità delle varietà di olive e di oli presenti nel nostro Paese, evidenziando le peculiarità di ogni regione, con l’esclusione solo di Valle d’Aosta e Friuli-Venezia Giulia, e valorizzando le storie dei produttori che portano avanti con passione e dedizione la tradizione millenaria della produzione olearia: dalla rinomata Taggiasca ligure, alla robusta Leccino, passando per la Frantoio e la vigorosa Carboncella fino alla Ogliarola, tipica della zona barese, garganica e salentina.  

Il mondo dell’olio extravergine di oliva è complesso e affascinante allo stesso tempo: ciascun prodotto presenta caratteristiche uniche e la nostra Guida vuole orientare professionisti e consumatori nella scelta del miglior prodotto capace di soddisfare gusti e abbinamenti diversi” commenta Stefano Polacchi, curatore della Guida. Sono 389 le aziende produttrici per 679 etichette di extravergine valutate e inserite nella Guida, di cui 191 le Tre Foglie e 34 le Stelle, che hanno ottenuto il massimo punteggio per dieci anni, risultato di un lungo percorso di ricerca, selezione e valutazione per individuare il gusto più sublime ma anche riconoscere un maggiore impegno verso la sostenibilità, in un’economia globale che si fa concorrenza sul fronte dei prezzi più bassi. “L’Italia si trova oggi a competere con prodotti di origine comunitaria che privilegiano la quantità alla qualità e riescono a praticare prezzi di vendita inferiori. Ma la qualità e la lunga tradizione olivicola del nostro Paese va riconosciuta e valorizzata sostenendo, anche attraverso interventi politici, i nostri agricoltori, ambasciatori della qualità nel mondo” aggiunge Polacchi. 

Cinque le fasce di prezzo considerate, dagli oli con prezzo inferiore ai 10 euro ai prodotti più eccellenti anche oltre i 30 euro al litro. La Guida offre anche indicazioni dei produttori di olive da mensa e delle aziende che offrono ospitalità e ristorazione in campagna per un’informazione completa ed esaustiva. I singoli extravergine sono stati valutati anche per il loro profilo aromatico, sulla base dell’intensità di fruttato, amaro e piccante, utile a determinare eventuali abbinamenti con cibi e ingredienti. 

Le stelle della Campania 

La Campania, quarta regione olivicola italiana per quantità di olio prodotto e la sesta per superficie olivetata, brilla con le sue 21 aziende di cui 9 si distinguono raggiungendo un punteggio pieno e ottenendo l’ambito riconoscimento delle Tre Foglie, tra cui 2 con la stella* per aver conseguito il titolo per il decimo anno consecutivo. E una tra queste spicca anche per il premio speciale: 

  • Frantoio dell’anno: Nicolangelo Marsicani*Morigerati (SA), 

Le Tre Foglie sono: 

  • Fattoria Ambrosio, Salento (SA),dove spicca il suo Crux Monocultivar Coratina BIO;.
  • Oleificio FAMVenticano (AV), dove spicca il suo DOP Irpinia Colline dell’Ufita;
  • Marco Rizzo, Felitto (SA), che brilla con il suo Talismano Monocultivar Carpellese BIO;
  • Maria Mazzeo, Camerota (SA), con il suo Fortuno BIO: una giovane realtà olivicola nata nel 2019 ;
  • Pietro Matarazzo, Perdifumo (SA), con il suo Ramarà DOP Cilento ;
  • Sole di Cajani, Caggiano (SA), con Verbìo Monocultivar Carpellese BIO ; 
  • Tenuta SantiQuaranta, Camerota (SA), con il suo EST;
  • Torre a Oriente, Torrecuso (BN), con il suo Cuore D’Ortice Monocultivar Ortice BIO .

© Diritti Riservati

Redazione Notizie
Redazione Notizie
Cronaca e notizie. Aggiornamenti e news quotidiane dai principali paesi del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano, Alburni e dall'intera provincia di Salerno. ... Notizie , Cronaca, Attualità, Territorio, Invia la tua segnalazione : redazione@cilentoreporter.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Manca davvero poco all’inizio dell’estate meteorologica, che per convenzione esordisce il primo di giugno. In questo articolo cercheremo di capire come si comporterà l’estate del 2024, ormai giunta ai nastri di partenza.
Si è svolta nell’Aula Consiliare del Parco Nazionale del Cilento, martedì 21 maggio 2024 alle ore 17,00 a Vallo della Lucania
Dalle ore locali 19:51 del 20 maggio 2024 (UTC 17:51) è in corso uno sciame sismico nell’area dei Campi Flegrei che, fino alle ore 00:31 del 21 maggio 2024 locali, ha fatto registrare in via preliminare circa 150 terremoti con Magnitudo durata (Md) ≥ 0.0 (95 localizzati) e una Magnitudo massima (Md) di 4.4 (±0.3).

Articoli correlati

Dallo stesso Autore