5.8 C
Sessa Cilento
mercoledì, 21 Febbraio 2024
Prima PaginaMeteo CilentoCambio di scenario per la seconda metà di febbraio. Cosa accadrà dalla...

Cambio di scenario per la seconda metà di febbraio. Cosa accadrà dalla settimana prossima?

Ormai manca davvero poco alla fine dell’inverno meteorologico. La stagione finora è stata molto deludente, soprattutto per la mancanza di ondate di freddo ed eventi nevosi, fino a bassissima quota. Il tempo per recuperare è davvero poco, eppure nei prossimi giorni si assisterà ad un importante cambio di circolazione, prodotto da un progressivo indebolimento della struttura del vortice polare. Difatti, come avevamo delineato pure nella tendenza di febbraionella seconda decade di febbraio la circolazione atmosferica muterà in maniera significativa, mettendo così la parola fine al prolungato periodo anticiclonico di queste ultime settimane, su gran parte del vecchio continente.

Anche dai principali modelli globali iniziano ad arrivare le prime importanti novità, con l’erosione totale dell’imponente promontorio anticiclonico di blocco che ormai dominava le condizioni meteorologiche europee da gennaio. Tale cambiamento sarà supportato da un incremento dell’attività delle famose “onde di Rossby”, che dal Pacifico si propagano verso il Nord America, per dipanarsi sull’Atlantico settentrionale, raggiungendo l’Europa. Queste ondulazioni, sempre più marcate, in uscita dal continente americano, favoriranno un abbassamento di latitudine del flusso perturbato principale, sull’area euro-atlantica, mentre al contempo i massimi dell’imponente anticiclone subtropicale si riposizioneranno sull’Atlantico, dove tornerà ad essere evidente una “anomalia positiva di geopotenziale”.

In poche parole, la maggiore dinamicità spingerà le piovose perturbazioni oceaniche e le fredde saccature di origine artica ad entrare anche sul Mediterraneo, favorendo un aumento della piovosità fra Spagna, Francia e Italia. L’Italia sarà direttamente coinvolta dal passaggio di queste perturbazioni, per quasi tutta la seconda decade di febbraio. Avremo maggiori episodi perturbati, aumento della piovosità, soprattutto sulle coste tirreniche, e possibilità di burrasche, con mareggiate lungo le aree costiere. Inoltre, il passaggio di varie saccature, supportate in quota dal ramo principale della corrente a getto polare, agevolerà pure lo sviluppo di depressioni extratropicali sui mari attorno la penisola, che produrranno diverse ondate di maltempo su buona parte del territorio nazionale. Dagli ultimi aggiornamenti dei modelli sembrerebbe che le condizioni atmosferiche che domineranno la seconda decade persisteranno anche nella terza decade di febbraio. Il vortice polare rimarrà debole e disturbato, grazie anche agli apporti di calore dal passaggio delle “onde di Rossby”, lungo tutto l’emisfero boreale.

In sostanza non si potranno escludere episodi di freddo, anche importanti, nella parte terminale del mese di febbraio, con nevicate a bassa quota sui rilievi, e maltempo generalizzato su quasi tutte le nostre regioni. Le piogge, invece, risulteranno sopra le medie stagionali, soprattutto sulle coste del versante tirrenico. Le incursioni di aria fredda sul Mediterraneo, inoltre, interagendo con le masse d’aria più umide e miti preesistenti sul basso Mediterraneo, potranno creare le condizioni ideali per lo sviluppo di profonde ciclogenesi sui mari italiani, con annesse importanti ondate di maltempo. Quantomeno si rivedranno le piogge in quelle aree del Paese colpite dalla siccità. Eccetto i settori adriatici e ionici, dove le precipitazioni risulteranno meno consistenti, vista la prevalenza di correnti dai quadranti occidentali.

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Centinaia tra sindaci e amministratori della Campania in piazza per dire no all’autonomia differenziata, “una legge truffa che distrugge l’unità d’Italia”
L'associazione dei consumatori ha inviato una istanza-diffida chiedendo chiarimenti, per quanto di competenza, alla Soprintendenza ABAP di Salerno e Avellino, all’ Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale,.....

Articoli correlati

Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Aria molto calda sormonta la nostra penisola soprattutto in quota, come testimonia la quota dello zero termico che peraltro come vedremo fra poco si innalzerà ulteriormente. L’anticiclone subtropicale non solo non cede ma addirittura tende a rafforzarsi di nuovo con massimo di 1035 hPa sulla Francia.
Come ogni mese cercheremo di realizzare una linea di tendenza per il mese successivo, interpretando i vari indici climatici e le analisi di lungo periodo dei centri di calcolo internazionali.

Dallo stesso Autore

Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Dopo gli ultimi cenni d’instabilità al meridione, a partire dalla giornata di domani (14 Febbraio) il tempo andrà stabilizzarsi su buona parte del territorio nazionale, per il ritorno dell’anticiclone di natura subtropicale, che assicurerà condizioni atmosferiche quasi primaverili.
Aria molto calda sormonta la nostra penisola soprattutto in quota, come testimonia la quota dello zero termico che peraltro come vedremo fra poco si innalzerà ulteriormente. L’anticiclone subtropicale non solo non cede ma addirittura tende a rafforzarsi di nuovo con massimo di 1035 hPa sulla Francia.