6.9 C
Sessa Cilento
martedì, 20 Febbraio 2024
Prima PaginaMeteo CilentoMeteo: ecco la tendenza per Febbraio 2024. Arrivera il freddo?

Meteo: ecco la tendenza per Febbraio 2024. Arrivera il freddo?

Come ogni mese cercheremo di realizzare una linea di tendenza per il mese successivo, interpretando i vari indici climatici e le analisi di lungo periodo dei centri di calcolo internazionali. Come sempre, prima di entrare nei dettagli, ribadiamo che le previsioni stagionali (da non confondere con le normali previsioni a breve scadenza che valgono fino e non oltre a 72 ore), meglio come conosciute come “linee di tendenza”, sono sperimentali e presentano una importante incertezza, accentuata dalle discrepanze tra i modelli di riferimento. Queste previsioni rappresentano quello che sarà il futuro della meteorologia. Oggi conoscere il tipo di inquadramento barico che si potrebbe venire a determinare può aiutare l’uomo a pianificare le proprie attività. Dalle analisi del modello europeo ECMWF si evidenzia come la prima decade possa essere caratterizzato dal dominio di anomalie positive, sia di pressione che di geopotenziale in quota, su buona parte del Mediterraneo, in estensione verso l’Europa centrale.

In poche parole, nei primi giorni di febbraio, l’imponente anticiclone di blocco, responsabile dell’incredibile fase calda che sta colpendo la Spagna e il Sud della Francia, continuerà a governare l’andamento meteorologico su quasi tutta l’Europa centro-meridionale e il bacino del Mediterraneo, con un cuneo diretto verso le regioni dell’Italia settentrionale e del settore tirrenico pronto ad assicurare tempo stabile e soleggiato. Lungo il bordo più orientale di questa struttura anticiclonica scivoleranno diversi impulsi di aria molto fredda, di origine artica marittima, che si verseranno sui bassopiani innevati dell’Europa orientale, dove si “continentalizzeranno” nei bassi strati, per raggiungere l’area dei Balcani e l’Egeo. Se l’anticiclone riuscirà a elongarsi verso l’Europa centrale non si possono escludere delle brevi incursioni di aria più fredda, con chiusura continentale, verso il sud Italia.

Con molta probabilità nella seconda decade di febbraio il quadro circolatorio potrebbe subire dei mutamenti, anche se non profondi, ma capaci quantomeno di erodere l’imponente anticiclone di blocco che da giorni domina lo scenario meteorologico sull’area euro-atlantica. Ciò, di conseguenza, comporterà un cambiamento nella distribuzione delle anomalie di pressione e geopotenziale, con una maggiore dinamicità nella circolazione atmosferica. Questa dinamicità più accentuata contribuirà a fa entrare le prime perturbazioni oceaniche sul territorio nazionale. Le prime piogge potrebbero bagnare però i settori tirrenici, maggiormente esposti ai flussi nord-occidentali e occidentali. Sul resto delle regioni la probabilità di precipitazioni sarà molto più sporadica. I segnali per la terza decade, secondo ECMWF, fino ad oggi non sono molto chiari. Ma la distribuzione delle anomalie bariche al suolo potrebbe favorire un prevalente dominio anticiclonico, in grado di assicurare tempo più stabile e maggiormente asciutto in quasi tutte le regioni.

Entro la fine del mese, un possibile aumento dei valori di pressione e di geopotenziale in quota, sul Nord Atlantico, potrebbe favorire lo scivolamento di qualche veloce ondata di freddo, pronta a coinvolgere maggiormente le zone adriatiche e il meridione, riportando qualche nevicata a bassa quota. Va detto che data la notevolissima distanza temporale l’affidabilità di questa linea di tendenza è molto scarsa. Dal punto di vista termico il mese di febbraio, nel suo complesso, dovrebbe essere caratterizzato da temperature poco sopra le medie del periodo, soprattutto nelle regioni settentrionali, durante la prima decade. Al Sud e sulle Isole Maggiori questa anomalia dovrebbe risultare più lieve, venendo ammortizzata da possibili ondate di freddo provenienti dall’area balcanica. Sotto l’aspetto pluviometrico solo le aree tirreniche vedranno precipitazioni in linea o poco sopra le medie climatologiche del periodo. Fra il Nord-Ovest, la Sardegna e la Sicilia si avranno piogge molto al di sotto delle medie stagionali. [D.I.]

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Centinaia tra sindaci e amministratori della Campania in piazza per dire no all’autonomia differenziata, “una legge truffa che distrugge l’unità d’Italia”
L'associazione dei consumatori ha inviato una istanza-diffida chiedendo chiarimenti, per quanto di competenza, alla Soprintendenza ABAP di Salerno e Avellino, all’ Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale,.....

Articoli correlati

Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Ormai manca davvero poco alla fine dell’inverno meteorologico. La stagione finora è stata molto deludente, soprattutto per la mancanza di ondate di freddo ed eventi nevosi, fino a bassissima quota.
Aria molto calda sormonta la nostra penisola soprattutto in quota, come testimonia la quota dello zero termico che peraltro come vedremo fra poco si innalzerà ulteriormente. L’anticiclone subtropicale non solo non cede ma addirittura tende a rafforzarsi di nuovo con massimo di 1035 hPa sulla Francia.

Dallo stesso Autore

Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Dopo gli ultimi cenni d’instabilità al meridione, a partire dalla giornata di domani (14 Febbraio) il tempo andrà stabilizzarsi su buona parte del territorio nazionale, per il ritorno dell’anticiclone di natura subtropicale, che assicurerà condizioni atmosferiche quasi primaverili.
Ormai manca davvero poco alla fine dell’inverno meteorologico. La stagione finora è stata molto deludente, soprattutto per la mancanza di ondate di freddo ed eventi nevosi, fino a bassissima quota.