21.7 C
Sessa Cilento
venerdì, 14 Giugno 2024
Prima PaginaMeteo CilentoMeteo: venti forti e mari in burrasca con possibili mareggiate

Meteo: venti forti e mari in burrasca con possibili mareggiate

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo per “venti localmente forti dai quadranti meridionali con raffiche e mare agitato, soprattutto lungo le coste esposte ai venti, con possibili mareggiate”. L’allerta per vento forte e mare agitato entra in vigore domani, venerdì 20 ottobre alle ore 6 del mattino e termina alla stessa ora di sabato 21 ottobre.

L’ingresso della parte più intensa di questo sistema frontale sarà preceduto dall’attivazione di forti venti meridionali, con prevalenza dello scirocco e dell’ostro sul Tirreno e del libeccio fra mare di Sardegna, mar di Corsica e settore più occidentale del mar Ligure. Oltre al rischio di forti piogge e nubifragi, fra il levante ligure e le aree interne dell’alta Toscana, nelle prossime ore bisognerà fare attenzione alla sensibile intensificazione dei venti dai quadranti meridionali sui mari attorno l’Italia.

L’ingresso della parte più intensa di questo sistema frontale sarà preceduto dall’attivazione di forti venti meridionali, con prevalenza dello scirocco e dell’ostro sul Tirreno e del libeccio fra mare di Sardegna, mar di Corsica e settore più occidentale del mar Ligure, che raggiungeranno l’intensità di burrasca fra l’alto Tirreno e il mar Ligure, con raffiche fino a burrasca forte, come si evince dal nostro modello, su base. La forte ventilazione meridionale dal mar di Alboran si spingerà verso il mar di Sardegna e il Canale di Sardegna, propagandosi successivamente al Ligure e a tutto il Tirreno, fino alle coste di Toscana, Lazio, tramite intensi venti di scirocco che dalla Sicilia risaliranno il bacino tirrenico, sollevando un imponente moto ondoso, con onde di “mare vivo” che potranno raggiungere i 3 metri di altezza.

I venti più forti, nelle prime ore di domani, cominceranno a sferzare la Corsica, propagandosi al mar Ligure, fino al Golfo di Genova, la Riviera di Levante e le coste della Toscana, con particolare riferimento per l’area dell’Argentario e l’Arcipelago Toscano, raggiungendo l’intensità di burrasca forza 7-8 Beaufort, con raffiche che potranno lambire picchi di oltre 70-80 km/h.

Ma intensi venti da S-SE spazzeranno per bene pure le isole Pontine e le coste dell’alto Lazio, dove il vento supererà i 70 km/h, con raffiche anche localmente superiori. Solo a partire dal pomeriggio e serata successiva si assisterà ad un graduale attenuazione degli intensi venti meridionali fra il mar Ligure e il Tirreno, con una successiva rotazione a libeccio, grazie alla traslazione dei massimi di “gradiente barico orizzontale” verso l’Adriatico. Qui lo scirocco genererà l’acqua alta sulla città di Venezia.

Come capita sovente con queste configurazioni domani la Liguria, oltre al rischio di nubifragi, dovrà anche tenere in considerazione le intense mareggiate attese lungo le sue coste, da ponente a levante. Sul mar Ligure la forte ventilazione da sud-ovest che dalla Baleari si estenderà fino al Golfo di Genova formerà un moto ondoso piuttosto significativo, con lo sviluppo di onde alte anche più di 3-4 metri che punteranno le coste del genovesato orientale e dello spezzino, causando su queste delle mareggiate, con l’irrompere di onde ben formate. Ma onde ben formate si dirigeranno pure sui litorali dell’alta Toscana, causando fenomeni d’erosione. Sul Tirreno centro-settentrionale i forti venti da S-SE, allineandosi lungo l’asse del bacino, genereranno onde di “mare vivo” che potranno raggiungere i 3 metri a largo delle coste sarde, e punte anche di 3,5-4,0 metri fra l’Arcipelago Toscano e le coste dello spezzino.

Queste ondate, piuttosto alte, si dirigeranno verso l’Arcipelago Toscano e le coste della Liguria, attivando su questi mareggiate che potranno arrecare anche dei danni nei tratti soggetti al fenomeno dell’erosione. I danni rischiano di essere ulteriormente aggravati, nel tardo pomeriggio di domani, dalla sovrapposizione fra le onde generate dallo scirocco, che risalgono dall’Arcipelago Toscano, e quelle più lunghe da SO, prodotte dai forti venti di ostro e libeccio che risalgono dal mar delle Baleari e dal mar di Sardegna.

Da tale sovrapposizione fra le due differenti mareggiate si potranno generare delle onde veramente alte che in nottata rischiano di flagellare buona parte della costa ligure, dai litorali della città di Genova fino allo spezzino, dove si aspettano treni d’onda alti anche 5 metri metri.

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Oggi ancora tempo instabile su diverse regioni da nord a sud con piogge e temporali. La circolazione atmosferica sull’Italia, tuttavia, sta per cambiare e riserva novità interessanti per weekend e prossima settimana
Si terrà dal 28 al 30 giugno prossimi presso il Next – Ex Tabacchificio di Paestum a Borgo di Cafasso la seconda edizione del ‘Paestum Pizza Fest’, organizzato e promosso dalla Erre Erre Eventi...
Busitalia Campania (Polo Passeggeri Gruppo FS), in occasione della XII Edizione del Salerno Letteratura Festival, che si terrà dal 15 al 22 giugno 2024, lancia una collaborazione speciale con l’Associazione Culturale Duna di Salerno.....

Articoli correlati

Dallo stesso Autore