8.9 C
Sessa Cilento
lunedì, 26 Febbraio 2024
Prima PaginaMeteo CilentoMeteo: sorprese per ferragosto, nuova ondata di caldo in vista, durerà fino...

Meteo: sorprese per ferragosto, nuova ondata di caldo in vista, durerà fino a fine mese?

La meteorologia professionale ha ben precise procedure per denominare i cicloni extratropicali, così a dispetto di altri nomi che circolano nei media, quello in azione in questi giorni è stato denominato Patricia dall’Agenzia Meteo della Spagna (AEMET). Il ciclone Patricia si trova assai distante dalla nostra Penisola, sulla Scandinavia ma il suo lungo fronte freddo si estende notevolmente in longitudine. Porterà una bella rinfrescata che a essere obiettivi dopo tanto caldo ci voleva, ma anche purtroppo fenomeni intensi.

Se però avete sentito parlare di arrivo dell’autunno, anche qua è bene precisare come stanno realmente le cose, e anzi dalle ultime mappe ci sono sorprese forse per alcuni inaspettate. La novità nel medio termine lontano è la rimonta nel bacino del Mediterraneo prima dell’anticiclone delle Azzorre poi una nuova incursione di un anticiclone subtropicale che col passare dei giorni potrebbe divenire addirittura di origine africana.

Domenica giornata sereno variabile e ventilata ovunque, qualche rovescio al sud fra Sicilia e Calabria Tirrenica, poi nel pomeriggio possibile temporale sulle Alpi orientali e in parte in sconfinamento in pianura veneta e nord dell’Emilia orientale. Temperature fresche al mattino, 14-15°C al nord, 16-17°C al centro sud, ma in ripresa nelle massime che tornano a 30°C.

Sembra strano di questi tempi, ma da lunedì a giovedì avremo giornate estive soleggiate, con temperature in linea con la climatologia della stagione, caldo normale e ben sopportabile di giorno, piacevole fresco serale, è normale in montagna usare la felpa in estate. Qualche eccezione di rovesci pomeridiani lunedì al centro nelle zone interne Appenniniche, per il resto prevale il sole anche sulle Alpi. Al momento grazie al fresco l’attività cumuliforme sarà limitata al pomeriggio e allo stadio di cumulo di bel tempo o mediocris, ma seguite gli aggiornamenti.

Temperature lunedì fresche al mattino, minime al nord localmente 12-13°C, al centro nei parchi delle città 14-15°C, ci vuole verde per mitigare l’isola di calore urbana. Al sud 16-18°C. Massime sui 30°C da nord a sud. Aumento da mercoledì, giovedì il caldo aumenta a 33-34°C.

I modelli dopo le incertezze dei giorni scorsi, con ipotesi di situazioni opposte di break estivo, che per noi esperti erano da ritenere poco probabili, spingono ora a medio alta la probabilità di una nuova ondata di caldo. Dagli ensamble attuali non sembra estrema, ma le temperature massime si riporteranno su tutt’Italia a valori piuttosto alti, 35-38°C, da meglio precisare nei prossimi aggiornamenti. Relativo ritorno fresco da NE al sud, ma il quadro sembra proprio in direzione di un nuovo acuto dell’estate.

Per inciso, è normale il caldo in estate, ma torniamo su valori eccessivi e ben sopra media e deve far riflettere che il fronte freddo attuale si e no riporta le temperature a quella che un tempo era l’estate mediterranea. Al momento sembra non arrivare, o nel caso non in modo da rompere l’estate, la tradizionale burrasca di ferragosto e per opposto l’estate e il caldo potrebbero rialzare la colonnina di mercurio dei termometri a massima, oggi sostituiti spesso da termometri digitali, a valori alti per questa parte del mese.

Insomma, il caldo potrebbe insistere e anzi intensificarsi, ciò non esclude che nel quadro caldo si formino temporali di calore forti al nord. Dei dettagli però ne parleremo, seguite i nostri aggiornamenti.

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Il Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala campana Dop punta sull’export e moltiplica le iniziative di promozione all’estero. Dalla Francia al Giappone, la Bufala Campana guarda sempre più ai mercati stranieri,
In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
La cittadina più anziana di Sessa Cilento si è spenta oggi (20 Febbraio)  all’età di 103 anni. Si chiamava Teresina La Greca , residente nell’antico piccolo borgo di Valle Cilento.

Articoli correlati

In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Ormai manca davvero poco alla fine dell’inverno meteorologico. La stagione finora è stata molto deludente, soprattutto per la mancanza di ondate di freddo ed eventi nevosi, fino a bassissima quota.

Dallo stesso Autore

In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Dopo gli ultimi cenni d’instabilità al meridione, a partire dalla giornata di domani (14 Febbraio) il tempo andrà stabilizzarsi su buona parte del territorio nazionale, per il ritorno dell’anticiclone di natura subtropicale, che assicurerà condizioni atmosferiche quasi primaverili.