5.8 C
Sessa Cilento
mercoledì, 21 Febbraio 2024
Prima PaginaMeteo CilentoMeteo. Verso un Capodanno mite

Meteo. Verso un Capodanno mite

La situazione meteorologica sull’area euro-atlantica continua ad essere dominata da un promontorio anticiclonico di blocco, sull’Europa occidentale, che è stato temporaneamente eroso da una ripresa del flusso perturbato atlantico. Quest’ultimo sta spingendo verso le nostre regioni centro-settentrionali un paio di perturbazioni oceaniche, responsabili delle piogge e dei rovesci che interessano le aree tirreniche e parte del nord.

L’inizio della settimana di Capodanno sarà caratterizzato dal transito dell’ultima perturbazione del 2021 che fra lunedì 27 e martedì 28 dicembre attraverserà molto velocemente il nostro Paese, portando delle piogge e locali rovesci, accompagnati da un temporaneo rinforzo della ventilazione. Il fronte oceanico, piuttosto rapido, interesserà quasi tutte le regioni italiane, ad eccezione dell’estremo sud, che dovrebbe essere saltato, soprattutto i settori ionici. Fin dalla mattinata di martedì 28 dicembre 2021 le condizioni meteorologiche andranno a migliorare sulle regioni settentrionali, con residue precipitazioni al mattino, con qualche debole nevicata sulle Alpi centro-occidentali. Resisterà dell’instabilità, con residue piogge e rovesci, sulle regioni tirreniche, maggiormente probabili in Toscana.

Sul resto delle regioni centrali prevarrà ancora la variabilità, con nuvole, alternate da ampi spazi di sole, specie lungo il versante adriatico. Nel corso della giornata, mentre il tempo andrà ulteriormente a migliorare sulle regioni centrali, al sud assisteremo ad un probabile peggioramento, con il rischio di piogge e qualche rovescio fra Calabria tirrenica, Sicilia nord-orientale, Puglia e Lucania. Questi fenomeni si attenueranno nel corso della nottata successiva.

Torna l’anticiclone per Capodanno?

Andando ad analizzare le ultime emissioni dei centri di calcolo internazionali emerge come per Capodanno un imponente promontorio anticiclonico, di origine subtropicale, provi a distendersi verso l’Europa centro-occidentale e il mar Mediterraneo, ripristinando condizioni di tempo stabile, mite e soleggiato su gran parte d’Italia. La spinta anticiclonica sarebbe stimolata dall’approfondimento di una depressione (extratropicale) nei pressi delle Azzorre, che favorirà più ad est, sul Mediterraneo centro-occidentale, una intensa risposta di correnti meridionali, piuttosto miti, soprattutto in quota. Queste correnti miti, di origine subtropicale continentale, provenienti dai deserti del Maghreb, andranno ad alimentare la struttura anticiclonica presente sull’Europa centro-occidentale, favorendo pure un considerevole incremento dei geopotenziali in quota.

Verso un Capodanno “eccezionalmente” mite?

Se giungeranno ulteriori conferme nei prossimi giorni è lecito aspettarsi una giornata di San Silvestro e un Capodanno “eccezionalmente” mite su gran parte d’Italia, specialmente sulle regioni di nord-ovest, in Sardegna, con temperature prossime ai +15°C a circa 1500 metri, e lo “zero termico” puntare i 3500 metri sulle Alpi occidentali. A parte possibili nebbie sulle vallate interne appenniniche, sul resto delle regioni centrali e meridionali l’alta pressione garantirà prevalenti condizioni di stabilità, con cieli sereni o poco nuvolosi e tanto sole, in un’atmosfera quasi primaverile. Solo sui settori adriatici e all’estremo sud non mancheranno infiltrazioni fredde da Nord, che potranno generare pure un po’ di nuvolosità. [D.I.]

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Centinaia tra sindaci e amministratori della Campania in piazza per dire no all’autonomia differenziata, “una legge truffa che distrugge l’unità d’Italia”
L'associazione dei consumatori ha inviato una istanza-diffida chiedendo chiarimenti, per quanto di competenza, alla Soprintendenza ABAP di Salerno e Avellino, all’ Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Meridionale,.....

Articoli correlati

Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Ormai manca davvero poco alla fine dell’inverno meteorologico. La stagione finora è stata molto deludente, soprattutto per la mancanza di ondate di freddo ed eventi nevosi, fino a bassissima quota.
Aria molto calda sormonta la nostra penisola soprattutto in quota, come testimonia la quota dello zero termico che peraltro come vedremo fra poco si innalzerà ulteriormente. L’anticiclone subtropicale non solo non cede ma addirittura tende a rafforzarsi di nuovo con massimo di 1035 hPa sulla Francia.

Dallo stesso Autore

Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Dopo gli ultimi cenni d’instabilità al meridione, a partire dalla giornata di domani (14 Febbraio) il tempo andrà stabilizzarsi su buona parte del territorio nazionale, per il ritorno dell’anticiclone di natura subtropicale, che assicurerà condizioni atmosferiche quasi primaverili.
Ormai manca davvero poco alla fine dell’inverno meteorologico. La stagione finora è stata molto deludente, soprattutto per la mancanza di ondate di freddo ed eventi nevosi, fino a bassissima quota.