10 C
Sessa Cilento
sabato 26 Novembre 2022
HomeNotizie LocaliElettromagnetismo dal Monte della Stella. I comuni a valle sono al di...

Elettromagnetismo dal Monte della Stella. I comuni a valle sono al di sotto soglia

Il valore di attenzione, a valle del Monte della Stella, non è mai stato superato. Ma è vietato abbassare la guardia quando si parla di inquinamento elettromagnetico, questo è il monito lanciato nel convegno del 6 Ottobre 2021, dal prof. Gerardo Botti, Sindaco di Sessa Cilento, già direttore scientifico dell’Istituto Pascale.

L’importante evento, a cui ha partecipato il Prof. Antonio Giordano docente del dipartimento di Biotecnologie mediche dell’Università di Siena e direttore dello Sbarro Institute for Cancer Research and Molecular Medicine della Temple University di Philadelphia, ha focalizzato l’attenzione su quella  che era stato qualche giorno prima la decisione del Sindaco Botti nell’interdire il Sagrato della Cappella del Monte della Stella, per superamento dei limiti imposti dalla legge,  dei campi elettromagnetici prodotti dalle numerose antenne rice-trasmittenti presenti. Ma per fortuna, se di fortuna si può parlare, arrivano buone notizie dal monitoraggio dei campi elettromagnetici prodotti dalle stazioni radio, telefonia mobile  e Tv, per i comuni a valle del Monte della Stella. Su 91 misurazioni effettuate nel corso del periodo Agosto/Settembre 2021 da Arpa Campania, dopo un esposto alla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania,  non è mai stato superato il valore di 6 volt/metro che rappresenta il massimo consentito dalla legge.

Nella totalità delle rilevazioni i valori sono risultati inferiori a 1v/m. «L’obiettivo primario del progetto — si legge nelle conclusioni della relazioni della sezione Arpa  Campania — è stato quello di monitorare il campo elettrico prodotto da Stazioni TRM (Tele-Radio Comunicazioni), attive  sulla sommità del Monte, adiacenti la Cappella e ricadenti nei territori dei Comuni di Lustra,  Stella Cilento, Omignano Cilento e Sessa Cilento. Le misurazioni del campo elettrico prodotto – si legge nel prospetto di analisi –  sono state effettuate in corrispondenza del Sagrato della Cappella, segnalando valori oltre soglia, ossia in media –  21,23 su 6V/m (Valore di Attenzione) e 28,26 su 20V/m (limite di esposizione) .

L’inquinamento elettromagnetico o elettrosmog sono motivo di forti preoccupazioni nell’opinione pubblica. Da studi è emerso che il problema dell’inquinamento elettromagnetico è di non semplice soluzione per le difficoltà di un approccio scientifico corretto, per le incertezze sperimentali sugli effetti biologici e sanitari, per la scarsità e le difficoltà del confronto tra le indagini epidemiologiche esistenti.

Vivendo immersi in un invisibile, inodore, intoccabile ambiente elettromagnetico in parte naturale (emissioni del sole, magnetismo terrestre, scariche atmosferiche) ed in parte artificiale, sempre crescente (tralicci, antenne, ripetitori, apparecchi domestici, telefoni cellulari) è necessario intensificare le ricerche sulla tipologia e l’entità dei rischi e dimostrare l’esistenza di un pericolo rilevante per la salute umana.

Alessandro Giordano
Alessandro Giordano
Dal Marzo 2015 racconto la nostra terra, il Cilento, mostrandola con gli occhi di chi la ama, la vive e vuole contribuire a farla apprezzare di più ai turisti e ai Cilentani stessi. La Storia, i Personaggi, la Cultura, le Tradizioni e le Contraddizioni, il patrimonio artistico, gli eventi e le iniziative in programma che ritengo più interessanti segnalare, i musei, le attrazioni e le proposte per i turisti, il cibo ed i prodotti del territorio sono i temi principali dei miei articoli.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Continue to the category

Devi leggere

Codacons Cilento: “per rilanciare il territorio serve una nomina al Parco qualificata e competente”

In questi giorni sui mass media e in via ufficiosa rimbalzano i nomi dei “papabili” alla nomina ministeriale per la scelta del nuovo presidente...

Meteo: nel week-end ancora maltempo. Campania divisa in due

Dopo una breve tregua dopo il ciclone Poppea, che ha causato allagamenti, alberi caduti e due vittime in Campania, nel week end è attesa sull’Italia una nuova ondata di...
Contattaci su WhatsaApp

Meteo forti temporali: la Campania passa da allerta gialla ad arancione

Peggiora il maltempo sulla Campania tanto che la Protezione civile regionale ha emanato un nuovo avviso

Addio a “nonna Rosetta”. Ha reso popolari le tradizioni del sud Italia

Addio nonna. "Ti chiamiamo nonna, perché per tutti noi sei stata veramente una nonna, oltre che la nostra migliore amica”. Così sul profilo Instagram...

Agricola: spesa e territorio. Ogni sabato l’opportunità per conoscere il Vallo di Diano

Comprare direttamente dai produttori comporta molteplici vantaggi, tra cui portare in tavola prodotti più freschi, più salubri e fare un gesto che sostiene concretamente il proprio territorio e la sua...

Dallo stesso Autore