5.6 C
Sessa Cilento
giovedì, 18 Aprile 2024
Prima PaginaMeteo CilentoIl meteo di questo inizio Dicembre. Allerta in alcune zone della Campania

Il meteo di questo inizio Dicembre. Allerta in alcune zone della Campania

Inizia oggi l’inverno meteorologico e questo primo giorno sarà caratterizzato da un nuovo peggioramento delle condizioni del tempo su gran parte dell’Italia con piogge entro sera su Levante Ligure, Toscana, regioni del medio e basso versante tirreno e Sardegna. Le nubi e le piogge rapidamente si estenderanno a Triveneto ed Emilia-Romagna, mentre domani giovedì 2 dicembre temporali anche violenti si abbatteranno su Cagliaritano e medio versante tirrenico con rischio nubifragi su Roma e Napoli.

Giovedì 2 dicembre fase acuta di maltempo

Le previsioni meteo per giovedì 2 dicembre vedono una fase acuta di maltempo su Lazio e Campania dove si svilupperanno forti temporali e si prevedono accumuli di pioggia particolarmente significativi con rischio nubifragi su Roma e Napoli, piogge torrenziali previste tra le province di Frosinone e Caserta con parziale coinvolgimento delle zone interne di Abruzzo e Molise. Rischio nubifragi su Roma e Napoli, piogge torrenziali previste tra le province di Frosinone e Caserta.

Le previsioni meteo per venerdì 3 dicembre vedono la formazione di una circolazione depressionaria sul basso Tirreno: si attiveranno forti venti di Maestrale che spazzeranno la Sardegna con mareggiate sulle coste esposte, mentre la Bora renderà molto mosso l’alto Adriatico. Avremo inoltre piogge su Abruzzo, Molise e sulle nostre regioni meridionali dove il Libeccio spazzerà i versanti ionici.

Aria fredda di origine artica entrerà dalla della Valle del Rodano concentrando il maltempo sulle nostre regioni meridionali dove il contrasto termico sarà maggiore ed il Maestrale determinerà un abbassamento della quota neve.

Previsioni meteo weekend 4 e 5 dicembre

Le previsioni meteo per questo weekend vedono un nuovo peggioramento delle condizioni del tempo a partire da Levante Ligure e Toscana in rapida estensione nel pomeriggio ad Umbria, Lazio ed Emilia-Romagna. Sabato 4 dicembre in serata le piogge bagneranno Triveneto, Emilia-Romagna e gran parte del centro Italia, ad eccezione dei litorali abruzzesi e molisani, al Sud il tempo peggiore lo ritroveremo sui versanti tirrenici della Calabria dove avremo molte nubi e possibili piogge.
Domenica 5 dicembre sarà caratterizzata da una nuova fase instabile con temporali sui versanti affacciati al Tirreno, dal basso Lazio alla Calabria, tempo migliore al Nord con nevicate solo sulle zone di confine di Valle d’Aosta, Lombardia e Friuli Venezia Giulia.

Tendenza meteo fino alla festività dell’Immacolata

La nuova settimana si aprirà con l’ennesima fase di maltempo al Sud alimentata da fredde correnti di Maestrale con formazione di temporali lunedì 6 dicembre sui versanti tirrenici della Sicilia e della Calabria. Al Centro-Nord si apriranno ampie schiarite ed assisteremo ad un nuovo calo delle temperature durante la notte con gelate estese su pianura piemontese, Lombardia ed Emilia.

Aria fredda di origine artica alimenterà questa nuova fase di maltempo al Sud e sul medio versante adriatico tra martedì 7 e mercoledì 8 dicembre, festività dell’Immacolata: su queste zone il cielo si presenterà molto nuvoloso o coperto con probabili piogge e nevicate nelle zone interne di Abruzzo, Molise e su Appennino Calabro-Lucano, tempo migliore altrove.

Nel frattempo, la protezione Civile della Campania, ha emanato una nuova allerta meteo dalla mezzanotte fino alle 23.59 di domani giovedì 2 dicembre per forti temporali, vento forte e mare agitato

Questo il dettaglio per zone:

Allerta Arancione sulle zone 1,2,3,5 (Piana Campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; Alto Volturno e Matese; Costiera Sorrentino-Amalfitana, monti di Sarno e monti Picentini; Tusciano e Alto Sele) per precipitazioni anche a carattere di rovescio o temporali anche di forte intensità che potrebbero dare luogo ad un dissesto idrogeologico diffuso anche con instabilità di versante, anche profonda, frane e colate rapide di fango, caduta massi.

Previsti anche venti forti sud-occidentali con raffiche nei temporali. Mare agitato dal pomeriggio di domani con possibili mareggiate. Su tutto il territorio permane un forte rischio idrogeologico, per effetto della saturazione dei suoli e delle ulteriori precipitazioni attese, che contribuiranno ad aumentare il rischio di frane e smottamenti sui versanti.

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Il "Cilento Battente" promette di essere un'esperienza straordinaria, che unisce la musica tradizionale alla bellezza dei luoghi storici del Cilento. Suonatori di chitarra battente provenienti da diverse regioni del Sud Italia
Prodotto principe ed elemento cardine della dieta mediterranea, l’olio extravergine di oliva non è soltanto un condimento riconosciuto per i suoi numerosi effetti benefici sulla salute, ma rappresenta un vero e proprio patrimonio culturale e gastronomico, simbolo della tradizione e della maestria artigianale italiana.
Venti/venticinque smartphone di ultima generazione, sei-sette coltelli “a molletta” di 13/16 centimetri, sostanza stupefacente (“fumo”) ma anche scarpe e giubbini firmati e di valore.

Articoli correlati

Un promontorio dell’anticiclone delle Azzorre si estende verso l’Italia, raggiungerà il suo culmine proprio sabato e domenica. In quota l’origine dell’alta pressione è subtropicale sempre in prevalenza Azzorriana, solo in parte riceve un contributo dall’Africa.
Le virgolette nel titolo sono più che altro un atto dovuto che intende chiarire che non possiamo propriamente parlare d’estate ad aprile. I suoli ed il mare non hanno certo le temperature tipiche dell’estate e favoriscono quindi ancora fenomeni di inversione termica, c’è ancora molta neve in alta montagna
Ci avviciniamo alle festività pasquali, e possiamo arrivare con la tendenza delle nostre previsioni ad anticipare possibili scenari meteo per quei giorni.

Dallo stesso Autore

Un promontorio dell’anticiclone delle Azzorre si estende verso l’Italia, raggiungerà il suo culmine proprio sabato e domenica. In quota l’origine dell’alta pressione è subtropicale sempre in prevalenza Azzorriana, solo in parte riceve un contributo dall’Africa.
Le virgolette nel titolo sono più che altro un atto dovuto che intende chiarire che non possiamo propriamente parlare d’estate ad aprile. I suoli ed il mare non hanno certo le temperature tipiche dell’estate e favoriscono quindi ancora fenomeni di inversione termica, c’è ancora molta neve in alta montagna
Ci avviciniamo alle festività pasquali, e possiamo arrivare con la tendenza delle nostre previsioni ad anticipare possibili scenari meteo per quei giorni.