17.8 C
Sessa Cilento
martedì, 18 Giugno 2024
Prima PaginaMeteo CilentoMeteo: in arrivo l'afa al sud e tanta polvere del deserto

Meteo: in arrivo l’afa al sud e tanta polvere del deserto

Dopo una buona parte di aprile dominato dalle fredde correnti dai quadranti settentrionali, che hanno mantenuto le temperature su valori largamente inferiori alle medie stagionali, la circolazione atmosferica sulle nostre regioni è drasticamente mutata, con il ritorno delle più calde correnti africane, in risalita dall’ormai “arroventato” deserto del Sahara. L’affondo, in direzione della Spagna e del mare delle Baleari, di una saccatura atlantica, sta determinando la risalita di masse d’aria, decisamente più calde, ma anche umide, dall’entroterra desertico algerino e dalla Tunisia.

Aria calda in arrivò al centro-sud, a rischio i primi +30°C di stagione – Se sulle regioni settentrionali arriveranno molte nuvole, e si verificheranno delle precipitazioni sparse, al sud l’elemento saliente sarà rappresentato dall’arrivo di aria piuttosto calda, di tipo subtropicale continentale, che dal deserto algerino si spingerà fino alla Puglia e allo Ionio, provocando una brusca “scaldata”. Tanto che già giovedì 29 aprile si potranno misurare picchi di oltre +27°C +28°C sulle aree più interne della Sicilia e sul Tavoliere. Su molte località del sud i termometri potrebbero varcare valori compresi, fra i +22°C e i +26°C. Mentre fra venerdì 30 aprile e il weekend del 1 maggio il muro dei +30°C si potrebbe superare sulla Sicilia, specie lungo la costa tirrenica, sotto l’effetto “favonico” dei caldi venti di scirocco in discesa dai rilievi. Questo perché i venti di scirocco, dopo aver oltrepassato il crinale montuoso, scivolando sul versante sottovento, in direzione della costa tirrenica, oltre a comprimere l’aria (già in origine molto calda) verso il basso, deumidificandola, determinano una sensibile scaldata (la massa d’aria scivolando dalle Madonie, Nebrodi e Peloritani verso la costa tirrenica, perdendo il carico di umidità, guadagna circa +1°C ogni 100 metri). Ciò spiega perché sulle località tirreniche il termometro potrà, localmente, superare i +30°C, mentre nella costa ionica e meridionale dell’Isola il clima sarà decisamente più temperato, con nubi basse, specie nell’area del taorminese, che potranno produrre pure qualche piovasco.

Non solo caldo, ma anche tantissima polvere dal Sahara – Le masse d’aria calde in arrivo dall’Algeria porteranno con sé tantissima polvere desertica (non sabbia, ma si tratta di pulviscolo, particelle dell’ordine del micron) che dalle alte dune dei deserti sabbiosi dell’Algeria orientale si spingerà verso il Canale di Sardegna e la Sicilia, sotto la spinta dei venti da SO attivi nella media troposfera, fra le coste algerine e il Tirreno. Di solito le nuvole di polvere che provengono dalla regione del Grande Erg orientale hanno un colore giallastro, tendente al marrone chiaro, e sono molto diverse dalla polvere rossa, proveniente dai deserti più interni della Cirenaica, che nel periodo autunnale ed in inverno sovente raggiunge le nostre regioni meridionali, sotto impetuosi flussi sciroccali che partono proprio dal deserto libico. Queste nuvole di pulviscolo desertico, sollevate fino alla media troposfera (sopra i 5000-6000 metri) e agganciate dall’alito sahariano da SW che domina in alta quota, dopo aver sorvolato il Canale di Sardegna e il Canale di Sicilia, si spingeranno verso NE, offuscando i cieli in gran parte del territorio italiano, soprattutto al centro-sud.

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Proclamato da una sigla sindacale autonoma uno sciopero nazionale del personale mobile delle Società Trenitalia e Trenitalia Tper, dalle ore 3 di domenica ....
Domenica 16 giugno 2024 alle ore 16.30 presso il Convento  San Francesco ( al censimento FAI) di Cuccaro Vetere, si terrà nell'ambito della quarta edizione del Festival "NOI SIAMO LA MONTAGNA"
Con la Sentenza del 20/05/2024, n. 4481 il Consiglio di Stato ha ribadito che tutte le proroghe delle concessioni demaniali marittime per finalità turistico-ricreative - anche quelle in favore di concessionari che avessero ottenuto il titolo...

Articoli correlati

Dallo stesso Autore