8.8 C
Sessa Cilento
domenica, 25 Febbraio 2024
Prima PaginaMeteo CilentoMeteo: marzo non perde la sua proverbiale caratteristica, "pazzerello"

Meteo: marzo non perde la sua proverbiale caratteristica, “pazzerello”

Dopo tanta alta pressione e clima primaverile l’Italia si appresta ad essere interessata da maggiore variabilità associata a piogge sparse e nevicate sui monti e ad essere lambita da aria temporaneamente più fredda. Ci sono segnali di un cambiamento più deciso dello schema circolatorio generale che si dovrebbero gradualmente consolidare con l’inizio della seconda decade di marzo. Ne accenneremo nella parte dedicata al medio e lungo termine.

Nei prossimi giorni già sarà tuttavia già percepibile una modifica del regime meteorologico sull’Italia che andrà nel verso di un calo delle temperature e della possibilità di rivedere qualche locale pioggia a carattere sparso da nord a sud.


Non si tratterà di altro che della graduale transizione dal prepotente dominio anticiclonico che ha caratterizzato il tempo a partire dal 23 febbraio a condizioni di variabilità favorite dal ritorno dei flussi occidentali atlantici. Il cedimento dell’attuale struttura anticiclonica sarà determinato dal transito di un veloce e non certo memorabile fronte proveniente da nordovest che si appresta a raggiungere e scavalcare le Alpi nella giornata di venerdì 5 marzo.

Al suo seguito affluirà temporaneamente aria più fredda che si farà sentire maggiormente sul nord Italia e sulle regioni centrali adriatiche con isoterme negative di 2/6 gradi alla quota di riferimento di 1500 metri circa.


L’ingresso freddo, per quanto veloce e marginale potrà dare luogo ad un incremento dell’instabilità a macchia di leopardo su gran parte delle regioni in tempi diversi tra venerdì ed il week-end.

Week-end più freddo e piogge qua e là

Venerdì arriva il fronte da nordovest e porta dopo molti giorni delle piogge al centronord e su Sardegna e Sicilia, soprattutto tra il pomeriggio e la sera. Sabato peggioramento con piogge sparse e qualche nevicata sui rilievi appenninici sulle regioni del versante adriatico e successivamente, tra pomeriggio e sera, un po’ su tutto il  centro sud e Sardegna. Temperature in apprezzabile calo tranne che sull’estremo sud e sulla Sardegna dove i valori si manterranno un po’ più elevati.


Domenica il fronte si allontanerà velocemente ed il tempo sull’Italia migliorerà su tutte le regioni. Su quasi tutte per la verità, una depressione attiva sull’Algeria richiamerà, infatti, deboli correnti meridionali più umide verso le regioni centromeridionali tirreniche favorendo la formazione di nuvolosità nelle zone interne associata a qualche piovasco. Clima più freddo al nord e su parte del centro con possibili gelate notturne nelle valli ed in pianura Padana. Temperature nuovamente in aumento sulle regioni tirreniche e sulla Puglia.

Si rivede Il flusso occidentale atlantico

Accennavo all’inizio ad un possibile cambio di schema circolatorio. È il momento di parlarne: a medio e lungo termine ci sono segnali dai modelli numerici (modello ECMWF) di un generale calo della pressione nel settore compreso tra Islanda, Isole Britanniche, Mare del Nord e Mar Baltico e Finlandia. Questa evoluzione, riscontrabile anche dagli scenari Ensemble, dovrebbe innescare un flusso di correnti occidentali atlantiche destinato a coinvolgere dai giorni 10/11 marzo prima il settentrione e poi le regioni centrali italiane.

Che tipo di tempo ci aspetta nella seconda decade?

Con le condizioni citate direi una classica variabilità primaverile con schiarite ampie alternate a qualche annuvolamento, forse associato a locali e brevi fasi di pioggia. La direttrice delle correnti favorirebbe a tratti venti da nordovest con temperature piuttosto elevate su molte zone pianeggianti del nord e lungo il versante adriatico per effetto catabatico.


© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Il Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala campana Dop punta sull’export e moltiplica le iniziative di promozione all’estero. Dalla Francia al Giappone, la Bufala Campana guarda sempre più ai mercati stranieri,
In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
La cittadina più anziana di Sessa Cilento si è spenta oggi (20 Febbraio)  all’età di 103 anni. Si chiamava Teresina La Greca , residente nell’antico piccolo borgo di Valle Cilento.

Articoli correlati

In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Ormai manca davvero poco alla fine dell’inverno meteorologico. La stagione finora è stata molto deludente, soprattutto per la mancanza di ondate di freddo ed eventi nevosi, fino a bassissima quota.

Dallo stesso Autore

In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Dopo gli ultimi cenni d’instabilità al meridione, a partire dalla giornata di domani (14 Febbraio) il tempo andrà stabilizzarsi su buona parte del territorio nazionale, per il ritorno dell’anticiclone di natura subtropicale, che assicurerà condizioni atmosferiche quasi primaverili.