8.8 C
Sessa Cilento
domenica, 25 Febbraio 2024
Prima PaginaMeteo CilentoMeteo, previsioni per Natale e Santo Stefano freddo e neve in arrivo

Meteo, previsioni per Natale e Santo Stefano freddo e neve in arrivo

Natale con la neve quest’anno potrebbe divenire realtà per alcune zone del nostro Paese. E’ oramai certo che, a partire dalla notte della Vigilia, avrà inizio un’intensa irruzione di aria gelida che entrerà dalla porta della Bora e porterà la neve a bassa quota in molte regioni. Natale con la neve, Santo Stefano con tanto freddo, mentre l’Italia sarà spazzata da gelide correnti di origine polare.

Questa volta l’aria fredda entrerà dalla porta della Bora, risultando maggiormente esposte le regioni del versante adriatico e il sud Italia con nevicate che localmente potrebbero raggiungere le coste di Abruzzo e Molise e quota neve molto bassa anche su Puglia e Basilicata.

Anche quest’anno i trulli di Alberobello potrebbero vestirsi di bianco, mentre è ormai certa una coreografia natalizia con i fiocchi per la maggior parte delle città appenniniche del Centro-Sud.

Alta pressione fino a metà settimana, al via irruzione fredda la notte di Natale

La Vigilia di Natale sarà caratterizzata da una perturbazione preceduta da forti raffiche di Libeccio con piogge, temporali e mareggiate su Levante ligure e alta Toscana. Le precipitazioni si estenderanno rapidamente a tutto il versante tirrenico e al Settentrione, saltando soltanto la pianura piemontese.

Quota neve inizialmente intorno ai 1800 metri in rapido abbassamento durante la notte di Natale quando aria fredda inizierà ad affluire dalla porta della Bora. Quota neve inizialmente intorno ai 1800 metri in rapido abbassamento durante la notte di Natale quando aria fredda inizierà ad affluire dalla porta della Bora.

Previsioni per Natale e Santo Stefano: freddo e neve in arrivo

Le previsioni meteo di questa settimana vedono un’intensa irruzione di aria fredda proprio in corrispondenza del Santo Natale, le temperature inizieranno ad abbassarsi in maniera significativa ed attraverseremo un’intensa fase di maltempo che colpirà alto Adriatico e centro Italia in rapido trasferimento verso il Sud.

Natale con la neve per Umbria, Marche, Abruzzo, Molise ed entroterra laziale, con rapido coinvolgimento delle nostre regioni meridionali. Natale con la neve per Umbria, Marche, Abruzzo, Molise ed entroterra laziale, con rapido coinvolgimento delle nostre regioni meridionali. L’Italia sarà spazzata da gelidi venti settentrionali con Bora sull’alto Adriatico, Maestrale sulla Sardegna e una forte tramontana sul Tirreno.

Il contrasto termico tra l’aria calda preesistente e quella fredda in arrivo sarà piuttosto marcato, per questo non mancheranno violenti fenomeni di instabilità atmosferica, con temporali ed un brusco abbassamento dello zero termico nella giornata di Santo Stefano, quote molto basse anche al Sud.

Previsioni meteo 27 dicembre: gelo sull’Italia in attesa della neve in pianura

Le previsioni meteo per domenica 27 dicembre vedono un ulteriore abbassamento delle temperature notturne su tutto il Centro-Nord.

Molte nubi al Sud con gli ultimi fenomeni e mareggiate su coste tirreniche della Sicilia, poi dalla sera un miglioramento, in attesa di una nuova intensa perturbazione che, viste le basse temperature potrebbe portare la neve sulla Pianura Padana già nella giornata di lunedì.

a cura della redazione de: “ilmeteo.net”

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Il Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala campana Dop punta sull’export e moltiplica le iniziative di promozione all’estero. Dalla Francia al Giappone, la Bufala Campana guarda sempre più ai mercati stranieri,
In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
La cittadina più anziana di Sessa Cilento si è spenta oggi (20 Febbraio)  all’età di 103 anni. Si chiamava Teresina La Greca , residente nell’antico piccolo borgo di Valle Cilento.

Articoli correlati

In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Ormai manca davvero poco alla fine dell’inverno meteorologico. La stagione finora è stata molto deludente, soprattutto per la mancanza di ondate di freddo ed eventi nevosi, fino a bassissima quota.

Dallo stesso Autore

In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Dopo gli ultimi cenni d’instabilità al meridione, a partire dalla giornata di domani (14 Febbraio) il tempo andrà stabilizzarsi su buona parte del territorio nazionale, per il ritorno dell’anticiclone di natura subtropicale, che assicurerà condizioni atmosferiche quasi primaverili.