5.6 C
Sessa Cilento
sabato, 2 Marzo 2024
Prima PaginaMeteo CilentoMeteo Cilento: l’autunno piomba sull’Italia con forti piogge

Meteo Cilento: l’autunno piomba sull’Italia con forti piogge

E’ già in atto il  peggioramento del tempo di stampo autunnale sull’Italia: una profonda saccatura depressionaria alimentata da aria fredda porterà piogge e la prima neve sulle Alpi. Temperature in diminuzione.

Se nei giorni scorsi, dopo il caldo anomalo che ha segnato la gran parte del mese di settembre, abbiamo già visto piogge e temporali ma con un regime termico ancora mite, ecco che l’autunno decide di fare sul serio. Questa volta una saccatura depressionaria, in risposta all’espansione meridiana dell’anticiclone atlantico, assesterà un colpo decisivo al traballante campo livellato mediterraneo.

La configurazione sarà alimentata da correnti fredde di origine artica lungo il suo lato occidentale e richiamerà aria umida sul suo settore orientale. Il risultato sarà un rapido calo della pressione sui mari italiani con formazione di un minimo di bassa pressione in quota tra il nord Italia e l’Europa centrorientale e di minimi al suolo sul centronord Italia.

Questa perturbazione sancirà il passaggio ad un clima più vicino ai canoni autunnali per noi riconoscibili? Come scrivo spesso le cosiddette stagioni di mezzo sono più che altro una nostra convenzione, nella realtà si possono considerare come il graduale passaggio dalla stagione calda a quella fredda. Una transizione fatta di spinte in avanti e ripensamenti.

In questa occasione possiamo definire l’evento meteorologico prossimo come una prima breve “fuga” in avanti della stagione. Il tutto poi verrà calmierato con la successiva evoluzione della circolazione generale ed il tempo si assesterà su un livello termico prossimo alla media stagionale e forse piovoso nei primi giorni di ottobre.

Una caratteristica del prossimo episodio perturbato sarà l’arrivo delle prime nevicate di una certa consistenza sull’arco alpino. Dapprima saranno abbondanti solo alle quote più elevate dei rilievi confinari più settentrionali. Con l’ingresso progressivo dell’aria più fredda la quota neve è destinata a scendere tra il pomeriggio di venerdì e la prima mattina di sabato, raggiungendo con accumuli al suolo quota 1500 metri sul settore centrorientale.

Attenzione! Nella notte tra venerdì e sabato possibili nevicate attorno a quota 1000 metri tra il Trentino Alto Adige ed il Friuli Venezia Giulia prima di una generale attenuazione dei fenomeni.

Piogge per tutti: quando, dove e quanto

Giovedì pomeriggio rapido peggioramento al nord e sulle regioni centrali tirreniche dovuto al richiamo di correnti umide dai quadranti meridionali. Possibili anche temporali, specie tra Toscana e Lazio. Tempo ancora soleggiato o parzialmente nuvoloso lungo il versante adriatico centrale e sulle isole maggiori. Tempo asciutto anche al sud tranne che tra Campania e Golfo di Policastro che potrebbero registrare piogge e rovesci di forte entità.
Dalla sera più marcato peggioramento su Liguria di levante, Toscana, Lombardia e nordest in generale.

Venerdì miglioramento sul Piemonte ma quota neve in abbassamento sulla Valle d’Aosta. Piogge alternate a pause con tempo migliore sulla pianura Padana mentre sulle Alpi le precipitazioni saranno più continue. Piogge intense o molto intense in Campania,  mentre il tempo si manterrà ancora stabile e molto caldo (temperature massime oltre i 30 gradi!) al sud e sulla Sicilia. Tempo discreto con rischio basso di deboli piogge anche lungo tutto il litorale adriatico e le aree interne limitrofe.

Temperature giù per tutti nel week-end

Sabato residue piogge nella notte sul nordest con quota neve in calo temporaneo sulle Alpi fino a circa 1000 metri di quota. Con il passare delle ore attenuazione dei fenomeni e miglioramento. Tempo variabile con aperture anche ampie sul resto del nord salvo che sulle creste alpine settentrionali di confine dove potranno verificarsi nevicate tra i 1000 ed i 1700 metri. Parziale miglioramento anche sulle regioni centrali mentre tra Roma ed il sud s’instaureranno condizioni variabilità con tratti più instabili e associati a piogge sparse e rovesci temporaleschi.

Domenica tempo generalmente buono al nord salvo che tra Friuli e Veneto dove una maggiore nuvolosità potrebbe dare luogo a qualche pioggia nelle zone interne. Peggioramento tra Sardegna, Lazio e Campania con piogge in intensificazione. Sporadiche piogge anche su Puglia e Sicilia. Temperature in generale diminuzione.

a cura della redazione de: ilmeteo.net

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Botta e risposta tra Orazio Schillaci e Vincenzo De Luca. A scatenare la scintilla sono stati i manifesti della Regione Campania in cui la premier Meloni veniva presa di mira e si attribuiva al Governo la chiusura dei pronto soccorso, giudicati dal ministro della Salute “falsa propaganda
Altri 3mila metri quadri di area museale aperti al pubblico. Con la benedizione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La Reggia di Caserta
Una maxi-treccia tricolore in onore del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che oggi ha inaugurato la nuova ala ovest della Reggia di Caserta.

Articoli correlati

In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Ormai manca davvero poco alla fine dell’inverno meteorologico. La stagione finora è stata molto deludente, soprattutto per la mancanza di ondate di freddo ed eventi nevosi, fino a bassissima quota.

Dallo stesso Autore

In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Dopo gli ultimi cenni d’instabilità al meridione, a partire dalla giornata di domani (14 Febbraio) il tempo andrà stabilizzarsi su buona parte del territorio nazionale, per il ritorno dell’anticiclone di natura subtropicale, che assicurerà condizioni atmosferiche quasi primaverili.