5 C
Sessa Cilento
lunedì, 4 Dicembre 2023
Prima PaginaMagazineAttualitàE' tempo di spostare le lancette. Siete pronti?

E’ tempo di spostare le lancette. Siete pronti?

Ad ottobre le giornate continuano ad accorciarsi e le ore di luce diminuiscono sempre più. Una diminuzione che avanti da giugno, dal giorno del solstizio d’estate. Le giornate continueranno ad accorciarsi fino al solstizio d’inverno, a dicembre. Ormai, passato l’equinozio d’autunno del 2019, ci sono più ore di buio che ore di luce, ed il sole sorge sempre più tardi. Nei prossimi giorni arriva anche l’atteso (e per molte persone “odiato”) cambio d’ora. Gli effetti sulle nostre giornate saranno evidenti: il sole tramonterà prima, e sorgerà anche prima. La mattina quindi ci alzeremo con la luce, ma farà notte già nel tardo pomeriggio.

Il 27 ottobre 2019, cambio dell’ora

Il cambio dell’ora avverrà quest’anno nella notte fra sabato 26 e domenica 27 ottobre. In sostanza abbonderemo l’ora legale, che abbiamo adottato a marzo e usato nei mesi estivi, e torniamo all’ora solare. [sg_popup id=”4671″ event=”inherit”][/sg_popup]

Il cambio d’ora aveva una importanza cruciale fino a non molti anni fa, per motivi di risparmio energetico, per evitare di usare energia elettrica di mattina. In passato l’illuminazione aveva un certo peso sulle bollette e sul consumo energetico, e svegliarsi con il buio supponeva un certo aumento del consumo di energia. Oggi questo risparmio è meno importante per via del ridotto consumo energetico dell’illuminazione attuale e per altri cambiamenti rispetto ai decenni scorsi. Il tema è complesso ed al centro di un dibattito negli ultimi anni.

Dormiremo di più o di meno?

Quest’anno, come dicevamo, il ritorno all’ora solare avverrà il 27 ottobre, ultima domenica del mese. Nella notte fra sabato 26 e domenica 27, alle 3.00, gli orologi torneranno indietro alle 2 (se automatici, altrimenti dovremo ricordarci di farlo noi). La buona notizia è che dormiremo un’ora in più.

Il dibattito sul cambio d’ora

Poco più di un anno fa si è parlato molto in Europa di una possibile abolizione del cambio d’ora, che da decenni avviene due volte l’anno. Una consulta a livello continentale ha messo in evidenza come, specie nei paesi del Nord, la popolazione preferisca abolire il cambio d’ora. Non sono ancora state prese decisioni ufficiali al rispetto ed il cambio d’ora continua ad essere un appuntamento che si ripete due volte l’anno. Il prossimo, sarà l’ultima domenica di marzo del 2020.

Il cambio d’ora anche all’estero?

Dal 1996 tutti i paesi dell’Unione Europa e la Svizzera cambiano ora nello stesso giorno. Domenica 27 ottobre quindi il cambio d’ora avverrà in tutti i paesi europei.

A cura della redazione de IlMeteo.net

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Mai come quest’anno la ricerca sull’immunoterapia contro il cancro e la ricerca sui vaccini antitumorali MRNA è stata così vivace. E l’Italia – si legge in una nota dell’IRCCS Fondazione Pascale – gioca qui un ruolo di primo piano. Il nostro Paese, infatti, grazie all’Istituto Nazionale Tumori IRCCS Fondazione Pascale di Napoli è il primo in Italia (e tra i primi al mondo) ad aver avviato lo studio clinico di fase III del vaccino anti-cancro a mRNA di Moderna nei pazienti con melanoma.
È stato molto partecipato il primo appuntamento, dello scorso martedì 28 novembre, del Dibattito pubblico sul progetto dell’Alta velocità ferroviaria per il Mezzogiorno riguardante il tracciato dei lotti 1B e 1C Romagnano-Buonabitacolo-Praia a Mare, di quasi 97 chilometri, che costerà 8 miliardi di euro
In un contesto globale in rapida evoluzione, spicca un paese che, pur nella sua pacata discrezione, si è guadagnato un posto d'onore per il suo avanzamento tecnologico e la sua eccellenza educativa: la Finlandia.

Articoli correlati

Fino a questo inizio di seconda decade novembre non si è certo distinto per prove generali di stampo invernale, anzi! Quasi sempre le temperature sono state ben superiori alle medie e ancora ieri si sono superati un po’ in tutte le regioni i 15 gradi di temperatura massima.
Ormai l’autunno è ufficialmente iniziato e la sua tipica instabilità atmosferica ci ha travolto da alcune settimane e sembra non voler lasciarci più.
L’area ciclonica battezzata Ciaran sta approfondendo i suoi minimi tra l’Inghilterra ed il canale della Manica proprio in queste ore. Il centro della depressione al suolo vedrà i barometri scendere sotto i 960 hPa e questo determinerà fortissimi venti occidentali tra il sud dell’Inghilterra e Bretagna e Normandia con raffiche da sudovest fino a 150 km/h.

Dallo stesso Autore

Fino a questo inizio di seconda decade novembre non si è certo distinto per prove generali di stampo invernale, anzi! Quasi sempre le temperature sono state ben superiori alle medie e ancora ieri si sono superati un po’ in tutte le regioni i 15 gradi di temperatura massima.
Ormai l’autunno è ufficialmente iniziato e la sua tipica instabilità atmosferica ci ha travolto da alcune settimane e sembra non voler lasciarci più.
L’area ciclonica battezzata Ciaran sta approfondendo i suoi minimi tra l’Inghilterra ed il canale della Manica proprio in queste ore. Il centro della depressione al suolo vedrà i barometri scendere sotto i 960 hPa e questo determinerà fortissimi venti occidentali tra il sud dell’Inghilterra e Bretagna e Normandia con raffiche da sudovest fino a 150 km/h.