10.6 C
Sessa Cilento
venerdì, 24 Maggio 2024
Prima PaginaMeteo CilentoMeteo: caldo record nel weekend, ma è presto per il cambio armadio,...

Meteo: caldo record nel weekend, ma è presto per il cambio armadio, freddo in vista

Un promontorio dell’anticiclone delle Azzorre si estende verso l’Italia, raggiungerà il suo culmine proprio sabato e domenica. In quota l’origine dell’alta pressione è subtropicale sempre in prevalenza Azzorriana, solo in parte riceve un contributo dall’Africa. Questo contributo, con la corrente a getto subtropicale che coinvolge la Sicilia e sud Italia è comunque sufficiente a portare altra polvere sahariana verso il Mediterraneo.

Da lunedì il massimo anticiclonico atlantico si rafforzerà più a nord, attivando il movimento di aria fredda polare, un fronte si porterà verso l’Italia a inizio settimana premessa di un cambio di masse d’aria importante. Si dice spesso che “piove sempre nel weekend”: ecco a voi la seconda eccezione consecutiva che conferma che questo è un luogo comune non confermato dalle statistiche. Spesso il maltempo del weekend ci fa percepire diversa la realtà, e la realtà del terzo fine settimana di aprile vedrà sereno e sole da nord a sud. Sia sabato che domenica le mappe di precipitazioni non vedono pioggia in nessuna zona della penisola e isole. Al più ci sarà qualche velatura, scie di condensazione e al sud sole impallidito dalla polvere desertica in sospensione.

Temperature in netto aumento, piacevoli e anche favorevoli alle prime tintarelle al mare, a scampagnate a piedi e bicicletta e attività sportivo invernali tardive in montagna. Attenzione però allo zero termico, previsto in nuovo rialzo a 4000 m sulle Alpi. Sabato e domenica decisamente calde, più da fine maggio o perfino inizio giugno, con massime dai 25-27°C del sud a 28-30°C al nord, localmente con valori da record storico. Lunedì ancora giornata calda fuori stagione, martedì prime avvisaglie di nubi in aumento e a sera arrivano i primi rovesci al nordest per un fronte freddo con traiettoria NW->SE, al sud per un fronte caldo africano che porta pioggia specie in Sicilia. Mercoledì al nordovest ombra pluviometrica, in parte anche föhn da nord, al nordest inclusa gran parte Emilia Romagna e marginalmente Lombardia orientale, piogge, temporali e netto calo della temperatura.

Nevicate anche diffuse sulle Alpi centro-orientali anche a 600-800, e compare neve tardiva beffarda anche in Appennino emiliano romagnolo, oltre 1000-1200 m, localmente fiocchi a 800 m. Al centro sud instabilità temporalesca, rovesci specie su Toscana e fra Umbria, interno di Marche e Abruzzo-Molise, anche qui nel pomeriggio nevicate in montagna. Rovesci irregolari nelle coste tirreniche meridionali, ventoso in Sardegna e Sicilia. Deciso crollo delle temperature, calo di 8-10°C, da valori nettamente sopra la media si scende a valori freddi ma solo di poco sotto la norma; al nordovest massime localmente anche al di sopra per foehn, sui 18°C, al centro sud a fatica 20°C. Per ora non si prevedono gelate tardive, ma attenzione al fine settimana

Ecco che purtroppo si affaccia il rischio di gelate tardive da venerdì e soprattutto sabato e domenica. Il tempo sarà variabile, a tratti instabile. Ma le schiarite, più presenti di notte e mattino insieme ad altra aria fredda in parte artica in arrivo faranno scendere il termometro attorno a zero in pianura al nord, e localmente nelle conche del centro. Probabili forti gelate nelle valli alpine. Di giorno, sole alternato a nubi, con rovesci qua e là, ora non precisabili nel dettaglio. Piogge più organizzate possibili fra Sicilia, Calabria Basilicata e sud della Puglia. Si dice “non ci sono più le mezze stagioni” ma più correttamente le mezze stagioni ci sono, ma diventano più estreme con marcata altalena termica. Presto per passare dal guardaroba tardo invernale a quello da piena primavera, ma vista la situazione dovremmo ampliare lo spazio in armadio con coabitazione di felpe e giacche da pioggia con t-shirt e pantaloncini. Nel reparto copricapo, servono in contemporanea berrette calde e cappelli da sole.

Insomma, in tempi di cambiamenti climatici, cambiano anche le tempistiche e modalità del cambio armadio.

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Manca davvero poco all’inizio dell’estate meteorologica, che per convenzione esordisce il primo di giugno. In questo articolo cercheremo di capire come si comporterà l’estate del 2024, ormai giunta ai nastri di partenza.
Si è svolta nell’Aula Consiliare del Parco Nazionale del Cilento, martedì 21 maggio 2024 alle ore 17,00 a Vallo della Lucania
Dalle ore locali 19:51 del 20 maggio 2024 (UTC 17:51) è in corso uno sciame sismico nell’area dei Campi Flegrei che, fino alle ore 00:31 del 21 maggio 2024 locali, ha fatto registrare in via preliminare circa 150 terremoti con Magnitudo durata (Md) ≥ 0.0 (95 localizzati) e una Magnitudo massima (Md) di 4.4 (±0.3).

Articoli correlati

Dallo stesso Autore