19.5 C
Sessa Cilento
martedì, 28 Maggio 2024
Prima PaginaMeteo CilentoChe tempo farà questa settimana? Nuova perturbazione in arrivo

Che tempo farà questa settimana? Nuova perturbazione in arrivo

Dopo le piogge e l’instabilità dei giorni scorsi, nelle prossime ore una nuova perturbazione atlantica raggiungerà l’Italia, determinando maltempo su diverse aree del territorio nazionale, ad iniziare dalle regioni settentrionali e dai settori tirrenici. Questo sistema frontale verrà spinto verso l’area del Mediterraneo da una profonda depressione, ubicata col proprio centro di massa sull’Europa occidentale. Già a partire dalle prossime ore assisteremo a un aumento della copertura nuvolosa ad iniziare dalle Alpi occidentali, Nord-Ovest e alta Toscana, dove giungeranno le prime piogge.

Sulle regioni meridionali si attiverà un nuovo richiamo di aria calda e secca dall’entroterra desertico algero-tunisino, pronto a far impennare i termometri su valori estivi in molte aree. Quest’aria calda proveniente direttamente dal Sahara farà aumentare i valori di geopotenziale in quota, stabilizzando la colonna troposferica, assicurando quindi una maggiore stabilità, con cieli generalmente velati o parzialmente nuvolosi, causa il transito di nubi alte e stratificate, affogate nello strato di pulviscolo desertico che accompagna il flusso caldo, di aria subtropicale continentale.

Pensate che all’estremo Sud, soprattutto domani, si potranno raggiungere valori di +28°C +29°C, con picchi di oltre +30°C +32°C in Sicilia. Fortunatamente stavolta questo flusso molto caldo sahariano, richiamato dalla stessa perturbazione che interessa le regioni del centro-nord, durerà poche ore. Già mercoledì 25 aria più fresca oceanica scivolerà verso le regioni meridionali, riportando i termometri su valori più consoni alle medie. Il flusso atlantico continuerà ad interessare l’Italia, causando nuove precipitazioni sparse, maggiormente probabili nelle aree più esposte al flusso da sud-ovest. Le piogge bagneranno in modo particolare le regioni settentrionali e le aree tirreniche del Paese, fra giovedì 26 e sabato 28 ottobre, con possibili rovesci e locali fenomeni temporaleschi sulle coste tirreniche.

Ma qualche pioggia potrebbe raggiungere pure le regioni meridionali, in particolare le coste tirreniche peninsulari, fino alla Calabria tirrenica e forse pure al Nord della Sicilia. Sostanzialmente sembrano essere due le passate piovose attese nella parte finale di settimana.

La prima è quella attesa fra giovedì 26 e sabato 28 ottobre, che potrebbe essere localmente anche significativa sui settori tirrenici. Un’altra bella passata di pioggia invece è attesa nel weekend, coinvolgendo in maniera più significativa il centro-nord e zone tirreniche. Dal punto di vista climatico avremo temperature molto tiepide, con possibili nuovi aumenti al Sud e lungo le coste adriatiche, causa ventilazione prevalente di libeccio.

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Freno tirato sull’uso degli autovelox per i Comuni, e ancora di più nelle “Città a 30” all’ora. Dopo il caos degli esposti per gli autovelox non omologati, e ancora prima, la protesta dei fleximan in tutto lo Stivale
Soprannominato "L'influencer di Dio", Carlo Acutis era noto per la sua abilità con i computer e per la diffusione online degli insegnamenti cattolici romani. Carlo è nato a Londra nel 1991, prima che i suoi genitori italiani Andrea Acutis e Antonia Salzano.....
Come noto, la caldera dei Campi Flegrei si estende anche nell’area marina nel Golfo di Pozzuoli dove è già presente la rete di monitoraggio geofisico multiparametrico “Medusa”.

Articoli correlati

Dallo stesso Autore