8.4 C
Sessa Cilento
venerdì, 19 Aprile 2024
Prima PaginaMeteo CilentoOndata di caldo tardiva su tutta l'Italia, si torna oltre i 30°C...

Ondata di caldo tardiva su tutta l’Italia, si torna oltre i 30°C da nord a sud, ma sarà breve.

Ancora caldo in Sicilia e Sardegna, ieri con temperature da piena estate, 32-33°C con picchi di 35°C, diffusi i 30°C su tutto il centro sud. E al nord, passati i temporali dei giorni scorsi, piacevole giornata con ancora 27-28°C in molte località. Insomma, l’estate 2022 oltre che calda record in tutta Europa si sta rivelando lunga, iniziata in anticipo a maggio e ancora in corso ora a settembre. Ora però le cose cambiano, ma prima avremo un ultimo acuto dall’Africa.

Sinottica: i resti dell’ex-uragano Danielle verso l’Europa

I resti dell’uragano Danielle si avvicinano all’Europa, ormai trasformato in depressione extratropicale. Pur senza entrare direttamente, la sua influenza sull’Italia si farà sentire con un richiamo di aria calda da SW, al centro sud anche sotto forma di anticiclone africano tardivo. La parentesi sarà breve, dapprima le correnti da SW apporteranno temporali al nord e al centro, anche molto intensi in alcune zone. In seguito la circolazione cambierà radicalmente. Da venerdì si formerà un anticiclone sviluppato in senso meridiano sul vicino Atlantico. Questa configurazione metterà in movimento il fronte polare, che nel fine settimana farà la sua prima irruzione stagionale sull’Italia.

Inizio settimana caldo ma da mercoledì primi violenti temporali

Martedì giornata pienamente estiva su tutta la penisola, con cielo soleggiato da nord a sud e temperature che risalgono a 30°C anche al nord, a 33-36°C al centro sud. Mercoledì giornata molto calda per settembre, inizia col sole pressoché ovunque ma il cielo in parte sarà solcato da cirri e scie di condensazione. Al nord si arriva anche a 32-33°C, al centro sud localmente in zone interne 35-37°C. Attenzione però al nordovest alpino e quindi anche in Liguria di levante e alta Toscana, nel tardo pomeriggio arriveranno primi temporali anche molto forti, localmente sotto forma di nubifragio torrenziale. Soleggiato estivo al sud e Sardegna.

Giovedì caldo temporalesco, venerdì prime avvisaglie del freddo

Giovedì pur in un quadro ancora caldo su tutta la penisola, al nord avremo già in mattinata alcuni sistemi convettivi a mesoscala, con rischio di temporali forti al momento più probabili in Lombardia, prealpi Venete e al confine fra Friuli V.G. e Slovenia. Altra zona a rischio temporali violenti, con nubifragi e downburst, l’alta Toscana e le zone interne del centro fra Toscana, Umbria e Marche. Verso sera temporali in movimento verso il Lazio e localmente Campania settentrionale. Bel tempo al sud, variabile ma caldo in Sardegna. Come detto, a parte le zone temporalesche ancora molto caldo per la stagione, con 30-32°C al nord e 34-38°C al centro sud.

Nel corso di venerdì sulle Alpi centro orientali arrivano piogge, temporali e anche la neve che per la prima volta scende verso i 2000 m, nel pomeriggio piogge e temporali entrano in pianura padana centro orientale, mentre le zone più a nordovest sembrano saltate, in parte forse con foehn. Temperature in calo da sera, ma ancora sui 28-30°C in molte zone al pomeriggio. Al centro variabilità con aumento del vento, ancora caldo da libeccio. Possibile temporale verso sera nel basso Lazio. Al sud, attenzione nel nord della Campania a un possibile forte temporale prefrontale verso sera, per il resto è ancora soleggiato e caldo estivo.

Sabato autunnale al nord, neve sulle Alpi!

Sabato ecco l’autunno con piogge anche diffuse al nord, soprattutto al nordest, resta sottovento invece gran parte del Piemonte e parte della Lombardia. La neve cade anche copiosa nella cresta di confine, Livigno sarà in veste pienamente invernale, fiocchi fin verso 1300 m, forse anche al passo del Brennero. Temperature in netto calo, nelle città del nord sotto la pioggia soli 16-18°C, ma nel pomeriggio potrebbe schiarite e riportare i termometri a 23-24°C. Al centro piogge e temporali fra alta Toscana, Marche e Umbria, più irregolari altrove, coste Tirreniche probabilmente sottovento per la tramontana. Anche al sud arrivano alcuni forti temporali, ma preciseremo meglio in seguito le zone interessate. Sbalzo termico notevole al nord, soprattutto nelle massime, temperature in calo anche al centro sud. Entra la bora, anche molto forte, al nordest.

Domenica soleggiata e limpida, giù i termometri!

Domenica tempo in veloce miglioramento, torna il sole al nord, anche molto limpido, così di giorno si arriva a 25°C, valore solo leggermente sotto la media in realtà, è ben più anomalo il caldo attuale. Mattina e serata invece decisamente frizzanti, con minime a soli 8-10°C nelle aperte campagne e perfino attorno a 0°C nelle valli alpine a 1500 m. Anche al centro migliora e la giornata è veramente limpida, con forte sole che attenua l’effetto diurno dell’aria fredda, ancora 25-27°C nelle massime, ma le minime scendono a 12-14°C. Bello ventoso anche in Sardegna. Anche al sud le ultime nubi se ne vanno in fretta grazie alla tramontana. Rinfresca sul settore adriatico, ma la Sicilia ha ancora un ultimo influsso caldo dal nord Africa, con massime a 30-33°C.

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

L'ultima gara esperita presso Palazzo S. Lucia, è andata deserta mettendo a rischio il servizio che, come già accaduto lo scorso anno, potrebbe non essere attivo per l’intera stagione estiva.
Si terrà martedì 21 maggio 2024 alle ore 17,00 presso l’Aula Consiliare del Parco Nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni, in Via F. Palumbo, a Vallo della Lucania (SA), la cerimonia di premiazione del Premio Artistico - Letterario
I Campi Flegrei sono la più grande caldera urbanizzata attiva nel cuore del continente europeo. A partire dal 2005 è interessata dal fenomeno bradisismico che ..... 

Articoli correlati

Un promontorio dell’anticiclone delle Azzorre si estende verso l’Italia, raggiungerà il suo culmine proprio sabato e domenica. In quota l’origine dell’alta pressione è subtropicale sempre in prevalenza Azzorriana, solo in parte riceve un contributo dall’Africa.
Le virgolette nel titolo sono più che altro un atto dovuto che intende chiarire che non possiamo propriamente parlare d’estate ad aprile. I suoli ed il mare non hanno certo le temperature tipiche dell’estate e favoriscono quindi ancora fenomeni di inversione termica, c’è ancora molta neve in alta montagna
Ci avviciniamo alle festività pasquali, e possiamo arrivare con la tendenza delle nostre previsioni ad anticipare possibili scenari meteo per quei giorni.

Dallo stesso Autore

Un promontorio dell’anticiclone delle Azzorre si estende verso l’Italia, raggiungerà il suo culmine proprio sabato e domenica. In quota l’origine dell’alta pressione è subtropicale sempre in prevalenza Azzorriana, solo in parte riceve un contributo dall’Africa.
Le virgolette nel titolo sono più che altro un atto dovuto che intende chiarire che non possiamo propriamente parlare d’estate ad aprile. I suoli ed il mare non hanno certo le temperature tipiche dell’estate e favoriscono quindi ancora fenomeni di inversione termica, c’è ancora molta neve in alta montagna
Ci avviciniamo alle festività pasquali, e possiamo arrivare con la tendenza delle nostre previsioni ad anticipare possibili scenari meteo per quei giorni.