10 C
Sessa Cilento
sabato 26 Novembre 2022
HomeNotizie LocaliRiconoscimento internazionale per l'olio EVO della Tenuta "Santi Quaranta" di Licusati

Riconoscimento internazionale per l’olio EVO della Tenuta “Santi Quaranta” di Licusati

Est: è questo il nome dato all’olio EVO della Tenuta Santi Quaranta che sta facendo incetta di premi, grazie alla caparbietà della giovanissima Alessia Avallone, prorietaria della tenuta. La storia della Tenuta SantiQuaranta e dell’olio extravergine Est comincia nel 2016, con l’acquisto di un terreno con circa 500 piante di ulivo, di diverse cultivar (frantoio, leccino e coratina). «Insieme alla mia famiglia abbiamo “ripreso” questo terreno, riformato l’allevamento delle piante a vasopoliconica e, finalmente, nel 2020, abbiamo avuto la prima produzione importante di olio, che abbiamo deciso di imbottigliare ed etichettare per affacciarci sul mondo del mercato, devo dire con un grande successo».

La tenuta produce due oli: il classico monocultivar pisciottano della tradizione del basso Cilento, il Mater, e il già citato Est, blend di coratina, leccino e frantoio che si sta facendo prepotentemente notare nel mondo degli addetti al settore. «Visti i numerosi apprezzamenti ricevuti, quest’anno abbiamo deciso di partecipare a due concorsi, Slow Food Italia, che ci ha conferito il premio di Grande Olio Slow, un riconoscimento assegnato all’olio eccellente, capace di emozionare in relazione a cultivar autoctone e territorio di appartenenza ed ottenuto con pratiche agronomiche sostenibili, e ad un altro concorso internazionale, l’Olivonomy Paris Awards, che ci ha premiato con la medaglia d’oro. Per noi aver raggiunto questi risultati è molto importante giacché ci ha dimostrato che i sacrifici e l’impegno profuso puntando esclusivamente alla qualità ripagano sempre spronandoci nel contempo a fare sempre meglio».

Il periodo di raccolta e molitura dell’Est è molto precoce: parte da fine settembre a metà ottobre, con un grado di invaiatura che và dal 30 al 40%, il che conferisce a questo olio un sapore fruttato di oliva verde di media intensità, con note di erba e foglia insieme. Al gusto si presenta con note dolci di mandorla verde per evolvere, poi, in amaro con note amaricanti di cardo, cicoria e piccante di pepe e peperoncino insieme, complesso e persistente. «Quest’anno otterremo anche la certificazione DOP Cilento e l’anno prossimo la certificazione del biologico. Il nostro prossimo obiettivo è quello di realizzare un laboratorio di imbottigliamento e prodotti bio come olive denocciolate, in salamoia ecc.».

La tenuta

Tenuta SantiQuaranta è una piccola azienda agricola a conduzione familiare situata a Licusati, frazione di Camerota, nel cuore del Parco Nazionale del Cilento. «Storicamente produttrice di olio, la mia famiglia si è tramandata la passione per la terra e i prodotti genuini a partire da mia nonna, instancabile lavoratrice, che raccoglieva a mano con grandi sacrifici le olive cadute a terra ai miei genitori che raccoglievano le olive sulle reti per produrre l’olio vergine cilentano, molto apprezzato dai turisti. Fino ad arrivare a me che, nel 2016, a soli 24 anni, ho deciso di coniugare la buona pratica agricola, il legame con il territorio e la tradizionale culturale che mi è stata tramandata dalla mia famiglia, unendola alle moderne conoscenze con l’obiettivo di ottenere un prodotto che risultasse buono al gusto ma che fosse, soprattutto, sano e genuino».

Storia, culture e tradizioni si intrecciano, sul territorio, con rimandi tanto alla Magna Grecia quanto all’importante presenza dei monaci basiliani.

«Accanto al terreno della nostra tenuta sono presenti i resti di una piccola cappella eretta dai monaci basiliani, il cui perimetro viene rappresentato nel nostro logo. Il nome del nostro olio, Est, è proprio ispirato proprio da questa cappella, visto che l’abside è rivolto ad est, dove sorge il sole e, in secondo luogo, “Est” sta ad indicare “colui che è”, quindi in questo caso l’olio per eccellenza, l’extravergine».

Massimo Cercola
Massimo Cercola
Massimo Cercola, appassionato di storia e territorio. Redattore della pagina "GeoBlog" di Cilento Reporter, un piccolo progetto, nato dall’esigenza, non solo di far conoscere le “bellezze” del territorio, attraverso una semplicissima applicazione web, ma anche quelle che sono le vicende e le storie legate ai monumenti, ai luoghi di culto o al semplice epitaffio che contraddistingue ed identifica con la propria forza storica, ogni angolo di questa meravigliosa terra: il Cilento !

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Continue to the category

Devi leggere

Codacons Cilento: “per rilanciare il territorio serve una nomina al Parco qualificata e competente”

In questi giorni sui mass media e in via ufficiosa rimbalzano i nomi dei “papabili” alla nomina ministeriale per la scelta del nuovo presidente...

Meteo: nel week-end ancora maltempo. Campania divisa in due

Dopo una breve tregua dopo il ciclone Poppea, che ha causato allagamenti, alberi caduti e due vittime in Campania, nel week end è attesa sull’Italia una nuova ondata di...
Contattaci su WhatsaApp

Meteo forti temporali: la Campania passa da allerta gialla ad arancione

Peggiora il maltempo sulla Campania tanto che la Protezione civile regionale ha emanato un nuovo avviso

Addio a “nonna Rosetta”. Ha reso popolari le tradizioni del sud Italia

Addio nonna. "Ti chiamiamo nonna, perché per tutti noi sei stata veramente una nonna, oltre che la nostra migliore amica”. Così sul profilo Instagram...

Agricola: spesa e territorio. Ogni sabato l’opportunità per conoscere il Vallo di Diano

Comprare direttamente dai produttori comporta molteplici vantaggi, tra cui portare in tavola prodotti più freschi, più salubri e fare un gesto che sostiene concretamente il proprio territorio e la sua...

Dallo stesso Autore