6.1 C
Sessa Cilento
sabato, 2 Marzo 2024
Prima PaginaMeteo CilentoMeteo: temporali in arrivo, poi inizio di giugno rovente?

Meteo: temporali in arrivo, poi inizio di giugno rovente?

Si va a chiudere, almeno al centronord, la lunghissima fase di caldo estivo che ha caratterizzato le vicende meteorologiche italiane a partire dall’inizio della seconda decade di maggio. Nei giorni scorsi si sono già verificati temporali localmente forti ma che non hanno influito sul quadro termico. Abbiamo vissuto un periodo segnato da anomalie termiche costantemente positive in tutte le regioni italiane, più accentuate nelle regioni settentrionali.

Anticipi d’estate nel mese di maggio si sono verificati anche in passato, in diversi casi con punte massime di temperatura superiori a quelle registrate quest’anno. Più raramente, però, le ondate di caldo maggioline hanno mostrato una durata ed una continuità di valori termici ben più elevati della norma, sia in quota che al suolo, inusuali come quest’anno.

Si cambia spartito?

La risposta è sì, almeno per qualche giorno. La circolazione atmosferica sta per proporre nuove dinamiche che sono destinate a portare qualche fase di maggiore instabilità in alcune regioni italiane e, soprattutto, un calo delle temperature che sarà più avvertito al centro-nord nel corso della fine settimana ed inizio della prossima. Al sud e sulle isole maggiori le temperature si manterranno abbastanza alte e comunque assimilabili al periodo estivo ma qualche pioggia o temporale si farà vedere anche da quelle parti.

Ecco cosa sta per accadere

Al momento identifichiamo in quota un minimo depressionario tra l’Islanda e la Scozia, un secondo sulla Russia ed un terzo tra le isole Baleari e l’Algeria. Un promontorio anticiclonico si espande dal Marocco alla penisola Iberica e al settore atlantico prossimo al Golfo di Biscaglia.

Il promontorio anticiclonico sta per proporre una pulsazione meridiana che lo spingerà ad espandersi con le sue propaggini settentrionali fino alla Groenlandia. Questa mossa favorirà una discesa di aria più fredda verso il centronord Italia associata alla circolazione depressionaria nordeuropea che amplierà più a sud la sua influenza. Al contempo il minimo depressionario mediterraneo si trasferirà entro sabato sulla Sicilia richiamando aria calda ma inizialmente umida sulle isole maggiori.

Meteo week-end: instabilità e rinfrescata al centronord

Sabato temporali a nordest già al mattino, in estensione alle altre regioni settentrionali e alle regioni centrali, in particolare interne. Rovesci e temporali anche sulla Sicilia. I fenomeni temporaleschi potranno risultare localmente forti al centronord. Temperatura in diminuzione al nord ed in parte al centro a partire sulle regioni nordorientali.

Domenica piogge e temporali sparsi al nord, in graduale attenuazione nelle aree di pianura ed in serata anche sulle Alpi. Tempo instabile nelle regioni centromeridionali con annuvolamenti e rovesci sparsi, anche temporaleschi più probabili nelle zone interne mentre lungo i litorali si avrà anche un buon soleggiamento e fenomeni più localizzati. Tempo soleggiato sulle isole maggiori.

Ecco come il modello europeo ECMWF vede la possibile “vampata” calda” nei primi giorni di giugno

Tendenza: inizio giugno di caldo rovente?

I modelli globali e gli scenari Ensemble aprono a questa possibilità, aumenta in effetti la probabilità che dal primo giugno una nuova rimonta anticiclonica a matrice africana possa generare un’ondata di caldo in grande stile con termiche in quota davvero inusuali per il periodo stagionale, soprattutto sulle isole maggiori e al sud, ma diffusa a tutto il paese.

Si tratterebbe di un evento ampiamente anomalo che potrebbe far salire i termometri fino a 32/35 gradi al nord, 34/36 al centrosud e addirittura fino a 40 nell’interno della Sardegna! Staremo a vedere, seguite i nostri aggiornamenti…

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Botta e risposta tra Orazio Schillaci e Vincenzo De Luca. A scatenare la scintilla sono stati i manifesti della Regione Campania in cui la premier Meloni veniva presa di mira e si attribuiva al Governo la chiusura dei pronto soccorso, giudicati dal ministro della Salute “falsa propaganda
Altri 3mila metri quadri di area museale aperti al pubblico. Con la benedizione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La Reggia di Caserta
Una maxi-treccia tricolore in onore del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che oggi ha inaugurato la nuova ala ovest della Reggia di Caserta.

Articoli correlati

In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Ormai manca davvero poco alla fine dell’inverno meteorologico. La stagione finora è stata molto deludente, soprattutto per la mancanza di ondate di freddo ed eventi nevosi, fino a bassissima quota.

Dallo stesso Autore

In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Dopo gli ultimi cenni d’instabilità al meridione, a partire dalla giornata di domani (14 Febbraio) il tempo andrà stabilizzarsi su buona parte del territorio nazionale, per il ritorno dell’anticiclone di natura subtropicale, che assicurerà condizioni atmosferiche quasi primaverili.