8.4 C
Sessa Cilento
giovedì, 29 Febbraio 2024
Prima PaginaMeteo CilentoAllerta meteo per domani sulla Campania. Ma come sarà il mese di...

Allerta meteo per domani sulla Campania. Ma come sarà il mese di Febbraio?

La Protezione Civile della Regione Campania, per domani 2 Febbraio,  ha emanato un avviso di allerta meteo per venti forti settentrionali con locali raffiche e mare agitato con possibili mareggiate lungo le coste esposte. L’allerta sarà  in vigore dalle 6 di domani mattina, martedì 1 febbraio, fino alle 6 di mercoledì 2 febbraio e riguarda l’intero territorio regionale.

Come ogni mese andiamo a vedere cosa ci propongono i principali modelli meteorologici internazionali, riguardo le previsioni stagionali e mensili a medio e lungo termine. In sostanza la tendenza ci permette di sapere quindi se sarà più o meno piovoso della media, più o meno caldo della media. Analizzando le ultimissime proiezioni del modello europeo ECMWF si evidenzia come l’inizio del mese di febbraio possa essere caratterizzato dal dominio di anomalie positive, sia di pressione che di geopotenziale in quota, su parte dell’Europa settentrionale. In modo particolare sulla penisola Scandinava, dove le anomalie di pressione e geopotenziale saranno particolarmente elevate.

Come sarà la prima decade?

La linea di tendenza per la prima decade di febbraio, secondo ECMWF, vedrà un pattern atmosferico dominato da valori di pressione elevati, sia sul vicino Atlantico, che sulla Scandinavia. Mentre valori di pressione vicini alle medie, o poco sotto, saranno presenti sul resto del vecchio continente e nell’area del mar Mediterraneo, eccetto la parte più occidentale di quest’ultimo. Tale pattern atmosferico sarà nuovamente favorevole a nuove ondate di freddo pronte a riversarsi in direzione del Baltico e dell’Europa orientale, interessando di striscio i nostri settori più orientali e il centro-sud. Verso la parte finale della prima decade si assisterà ad un rafforzamento del flusso zonale in Europa, con il ritorno delle fredde e piovose perturbazioni oceaniche sull’Europa centro-occidentale. Alcuni di questi fronti potrebbero raggiungere le nostre Alpi e le regioni settentrionali, da settimane soggette ad un lungo periodo secco, con totale assenza di neve sulle nostre Alpi, anche a quote importanti. Le regioni del centro-sud e le Isole, invece, potrebbero risentire maggiormente delle spinte dell’anticiclone delle Azzorre verso il bacino centro-occidentale del Mediterraneo, con fasi di tempo più stabile, mite e soleggiato.

Seconda decade in compagnia dell’anticiclone?

Per la seconda decade di febbraio sembra prevalere un pattern atmosferico, con importanti anomalie positive di pressione e geopotenziale sull’Atlantico orientale ed Europa centro-occidentale, favorevoli a spinte, verso levante, del promontorio anticiclonico oceanico, che così garantirebbe una maggiore stabilità, ma anche clima mite e asciutto su Sardegna e regioni del centro-nord.

Le regioni del centro-sud e la Sicilia, invece, trovandosi lungo il bordo orientale dell’anticiclone oceanico, potrebbero essere colpite, seppur di striscio, da brevi ondate di freddo, che avranno come obiettivo principale i Balcani, la Grecia e la Turchia. In questo caso non sono esclusi episodi di neve a bassa quota sull’Appennino, ma piuttosto fugaci.

Possibili novità per la terza decade?

Per l’ultima decade di febbraio il modello europeo ECMWF, al momento, non vede grosse novità, rispetto la seconda decade, anche se per gli ultimi giorni di febbraio sembra probabile una nuova e più organizzata intensificazione delle “westerlies”, soprattutto sull’Europa centrale, che potrebbero disturbare l’anticiclone oceanico, erodendolo nella sua parte più settentrionale. In questo caso non si esclude un possibile coinvolgimento più diretto anche del nostro Paese, con la possibilità di precipitazioni in arrivo sulle regioni settentrionali, in un contesto climatico tutto sommato mite per il periodo. [D.I.]

© Diritti Riservati

Redazione Meteo
Redazione Meteohttps://www.ilmeteo.net/
Redazione de IlMeteo.net. Da più di 20 anni ci dedichiamo alla meteorologia. In questi anni siamo migliorati e siamo cresciuti molto. Oggi le nostre previsioni meteo vengono offerte in tutto il mondo. Non c’è dubbio sul fatto che Meteored sia diventato uno dei progetti di informazione meteorologica pionieri a livello mondiale. Lo dimostrano i professionisti, gli appassionati di meteorologia e tutte le persone che si affidano a noi ogni giorno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli

Botta e risposta tra Orazio Schillaci e Vincenzo De Luca. A scatenare la scintilla sono stati i manifesti della Regione Campania in cui la premier Meloni veniva presa di mira e si attribuiva al Governo la chiusura dei pronto soccorso, giudicati dal ministro della Salute “falsa propaganda
Altri 3mila metri quadri di area museale aperti al pubblico. Con la benedizione del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La Reggia di Caserta
Una maxi-treccia tricolore in onore del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che oggi ha inaugurato la nuova ala ovest della Reggia di Caserta.

Articoli correlati

In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Ormai manca davvero poco alla fine dell’inverno meteorologico. La stagione finora è stata molto deludente, soprattutto per la mancanza di ondate di freddo ed eventi nevosi, fino a bassissima quota.

Dallo stesso Autore

In questo ultimo fine settimana del mese di febbraio una perturbazione sta portando pioggia e neve sull'Italia. Preferiamo non parlare di 'maltempo', perché specie in alcune aree, come la Sicilia (ma anche la fascia adriatica, ed altre aree del Sud), il deficit di precipitazioni nelle ultime settimane era allarmante e si sta aggravando la fase di siccità.
Abbiamo trascorso un altro weekend dal tempo prevalentemente stabile e soleggiato su gran parte d’Italia, a causa della persistenza di un solido campo di alta pressione che domina sull’area del Mediterraneo.
Dopo gli ultimi cenni d’instabilità al meridione, a partire dalla giornata di domani (14 Febbraio) il tempo andrà stabilizzarsi su buona parte del territorio nazionale, per il ritorno dell’anticiclone di natura subtropicale, che assicurerà condizioni atmosferiche quasi primaverili.