martedì 19 Gennaio 2021
6.7 C
Sessa Cilento
Pubblicità
6.7 C
Sessa Cilento
martedì 19 Gennaio 2021
Pubblicità

“Le pene di Kallion, figlio del Vento dell’Est”. Il primo libro per il giovane Francesco Falcione

News

Nuova vita per il castello di Rocca Cilento. Aperta la ricerca di personale

Conto alla rovescia per l’apertura della nuova struttura nel castello Medievale di Rocca Cilento. La nuova struttura  ricettiva sarà...

Una tessere di un antico mosaico restituita al parco archeologico di Paestum

Sebbene poco se ne parli, il mercato nero delle opere d’arte è più vasto di quel che si pensi. Secondo l’ultimo bollettino del Comando...

Resort a “luci rosse” nel Cilento, la Fenait: “Non è naturismo”

Se ne è scritto nei giorni scorsi, tanto che la notizia è rimbalzata a livello nazionale, cosa gradita fintanto...
Redazione Notizie
Redazione Notizie
Cronaca e notizie. Aggiornamenti e news quotidiane dai principali paesi del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano, Alburni e dall'intera provincia di Salerno. ... Notizie , Cronaca, Attualità, Territorio, Invia la tua segnalazione : redazione@cilentoreporter.it

“Le pene di Kallion, figlio del Vento dell’Est”, è questo il titolo del primo libro del giovane di Sessa Cilento, Francesco Falcione,  pubblicato dalla casa editrice “Largo Libro” di Agropoli.

Nato nel 2001, appassionato di musica, e arte, solo da qualche anno – scrive –  , da quando la mia la mia vita e cambiata nuovamente,  il mio rifugio è stato la composizione di canzoni, racconti e poesie. La  passione per la scrittura l’ho scoperta per puro caso, in un momento particolare della mia vita.  Di getto decisi di scrivere dei miei pensieri a caso su fogli avevo quindici anni. Da quel giorno – conclude –  scoprii  di avere la passione per i racconti e le poesie e non mi sono più fermato .

Queste le note dell’editore: “La poesia del giovanissimo Francesco Falcione si rifà prevalentemente a linguaggi e visioni legate ai secoli passati, in particolare all’età medievale.



Una parola particolarmente affascinante, la sua, che chiede al lettore di abbandonare almeno per un po’ i ritmi fin troppo frenetici ai quali siamo abituati oggi per immergersi nell’ascolto lento e attento. Da “Soffio vitale” a “I primi cantici di primavera”, da “Dolce musica” a “Spirito libero”, l’autore ci dona cinquantaquattro piccole perle che richiamano con forza sensazioni, sentimenti, riflessioni legate a quelli che sono da sempre – e sempre saranno – temi fondamentali sui quali si misura l’uomo: il bene e il male, i valori fondanti e fondamentali, la Natura intesa come madre e insegnante, il dolore, la possibilità del riscatto personale e collettivo. Temi complessi, “attraversati” da Kallion, l’immaginario protagonista di queste poesie che si rifanno anche a cadenze e visioni più squisitamente teatrali (e del resto lo stesso Francesco Falcione lo precisa, in una nota finale).



In queste pagine c’è spazio per rimproveri e condanne, ma anche per rimpianti e nostalgie. La bella grafica che accompagna i testi, efficace e curata nella sua semplicità, richiama la figura della spirale, da sempre doppio simbolo di avvolgimento su se stessa e di espansione; come sempre, sta all’uomo scegliere e percorrere di volta in volta strade che portano all’involuzione oppure all’evoluzione. Consapevoli o no, è una scelta che facciamo ogni giorno, sia da un punto di vista personale che collettivo. La voce degli artisti, e forse in particolare proprio quella dei poeti, è aiuto determinante e irrinunciabile per meglio comprendere, e quindi per meglio scegliere.”

Per maggiori informazioni o per acquistarlo: LargoLibro

© Riproduzione Riservata

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
- Advertisement -

Ultimi Articoli

Le storie della tradizione nel Cilento. Il pane con i “ciccioli”

Nelle campagne cilentane e nei forni di un tempo, fino a qualche decennio fa, il pane veniva cotto a...

Articoli correlati

- Advertisement -