17.8 C
Sessa Cilento
martedì, 18 Giugno 2024
Prima PaginaCilento NotizieCilentana, CODICI: la strada può essere riaperta al traffico veicolare riducendo le...

Cilentana, CODICI: la strada può essere riaperta al traffico veicolare riducendo le corsie sul viadotto Acquarulo.

L’associazione dei consumatori CODICI vuole chiarezza sulla Cilentana SP430, per tutelare gli interessi di tutti i cittadini ad avere infrastrutture sicure ed efficienti. Per tali ragioni l’associazione ha commissionato un proprio approfondimento tecnico sul viadotto Acquarulo sito nel territorio del Comune di Ceraso.

Pasquale ABIGNANO, componente segretaria Codici provinciale Salerno, “L’associazione Codici, all’indomani della chiusura della Cilentana, ha commissionato un approfondimento tecnico sul viadotto Acquarulo, per poter salvaguardare gli interessi dei cittadini ad avere infrastrutture sicure ed efficienti. Non è tecnicamente accettabile che ANAS chiude la strada perché un viadotto, mai oggetto di particolari monitoraggi strumentali o interventi di manutenzione, presenta improvvise criticità.  Voglio ricordare che i ponti della rete viaria ANAS sono soggetti a ispezioni ricorrenti trimestrali e ad un’ispezione più approfondita una volta all’anno. Le ispezioni servono sia per monitorare lo stato dell’opera sia per programmare gli interventi di manutenzione, pertanto è oggettiva la responsabilità di ANAS sulla chiusura della strada. Come associazione dei consumatori e degli utenti abbiamo ritenuto necessario fare approfondimenti tecnici prima di avviare le opportune iniziative e azioni.

Gli esperti incaricati da Codici, con l’ausilio di droni e di strumentazione digitale ad infrarossi, hanno acquisito tutte le informazioni sullo stato dell’opera. Il viadotto non presenta criticità per le quali occorre l’interruzione del traffico veicolare, sono stati riscontrati solo ammaloramenti localizzati del copriferro del cemento armato dei pulvini, eccetto che per il pulvino della terzultima campata, il quale presenta lievi anomalie tensionali circoscritte alla superficie di appoggio di parte di una sola trave, quella esterna della corsia sud, mentre l’impalcato del viadotto è sostenuto da cinque travi. La Cilentana può essere riaperta al traffico veicolare, limitando, in via precauzionale, le corsie percorribili sulla campata del viadotto Acquarulo che presenta criticità, questo chiederemo ad ANAS e al Ministero.”   

Giuseppe PERILLO, segretario Codici Delegazione Cilento, “Nella carta dei servizi la società ANAS ha assunto precisi impegni con gli utenti della rete viaria, completamente disattesi con la chiusura della Cilentana. Codici pretende strade sicure ed efficienti, con adeguati programmi di manutenzione ordinaria e gestione razionale delle risorse pubbliche. È incomprensibile che ANAS spende 20 milioni di euro per la manutenzione della cilentana e poi chiude la strada perché non è stato fatto l’intervento di manutenzione al viadotto che presentava anomalie. Per tutelare gli interessi degli utenti della cilentana, dai disservizi provocati da ANAS, l’associazione a breve avvierà una class action, nel contempo coinvolgerà sia l’agenzia ANSIFISA sia il Dipartimento competente del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti affinché sia fatta luce sulle modalità in cui ANAS esegue i controlli alle opere d’arte e sul modo in cui sono stati programmati ed eseguiti i lavori di manutenzione della Cilentana negli ultimi anni.”  

© Diritti Riservati

Redazione
Redazione
Nota - Questo articolo viene riportato integralmente come inviatoci. La Redazione ed il Direttore Editoriale non si assumo responsabilità derivanti da notizie o fatti inesatti o non veritieri.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Proclamato da una sigla sindacale autonoma uno sciopero nazionale del personale mobile delle Società Trenitalia e Trenitalia Tper, dalle ore 3 di domenica ....
Domenica 16 giugno 2024 alle ore 16.30 presso il Convento  San Francesco ( al censimento FAI) di Cuccaro Vetere, si terrà nell'ambito della quarta edizione del Festival "NOI SIAMO LA MONTAGNA"
Con la Sentenza del 20/05/2024, n. 4481 il Consiglio di Stato ha ribadito che tutte le proroghe delle concessioni demaniali marittime per finalità turistico-ricreative - anche quelle in favore di concessionari che avessero ottenuto il titolo...

Articoli correlati

Dallo stesso Autore