23.4 C
Sessa Cilento
domenica, 19 Maggio 2024
Prima PaginaCilento NotizieIl borgo Medievale di Teggiano trasformato in un museo diffuso

Il borgo Medievale di Teggiano trasformato in un museo diffuso

Il borgo medievale di Teggiano,  trasformato in un museo diffuso con opere di arte contemporanea installate nelle caratteristiche viuzze, vicoli, scalinate, sulle torri nell’antico maniero Macchiaroli e nelle piazze.”Teggiano Avantgarde“: questo il titolo della mostra a cielo aperto, visitabile sino al prossimo 30 settembre, che propone 17 opere realizzate da 16 studenti della Scuola di Scultura dell’Accademia Delle Belle Arti di Napoli.

“Teggiano Avantgarde” propone il connubio tra l’arte contemporanea e la storia locale per la promozione turistica del centro storico della città -museo del Vallo di Diano con le opere incentrate sul tema della esplorazione della figura umana rappresentata in molteplici forme.

I visitatori possono scoprire l’itinerario della mostra utilizzando una mappa digitale e QR Code posizionati su diversi pannelli informativi dislocati nel centro storico. In programma sino al prossimo 30 settembre anche esibizioni di artisti, proiezioni di cortometraggi, concerti e spettacoli. La mostra è organizzata dalla Scuola di Scultura dell’Accademia di Belle arti di Napoli in collaborazione con il Comune di Teggiano e l’Associazione Leonardo Da Vinci.

© Diritti Riservati

Redazione
Redazione
Nota - Questo articolo viene riportato integralmente come inviatoci. La Redazione ed il Direttore Editoriale non si assumo responsabilità derivanti da notizie o fatti inesatti o non veritieri.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dalle ore locali 06:06 del 18 maggio 2024, è in corso uno sciame sismico nell’area dei Campi Flegrei che, fino alle ore 9:30 locali, ha fatto registrare in via preliminare 16 terremoti
La situazione su scala europea vede una anomala fascia di anticicloni fra l’Atlantico, la Scandinavia e la Russia. Questa situazione lascia spazio a un campo mediamente depressionario fra l’Europa centro occidentale e l’Italia
Vanina Lappa, regista italo-francese, dopo Sopra il fiume (2016) che vince il Filmmaker Festival di Milano, ha deciso di immergersi, nell’approfondimento delle antiche culture e tradizioni radicate nel nostro prezioso patrimonio ed in particolare quello del Cilento.

Articoli correlati

Dallo stesso Autore