14.5 C
Sessa Cilento
domenica, 23 Giugno 2024
Prima PaginaCilento NotizieErosione costiera. La denuncia del Codacons Cilento

Erosione costiera. La denuncia del Codacons Cilento

Le polemiche di questi giorni sulla mitigazione delle spiagge di Casal Velino ma anche gli interventi eseguiti a Pioppi e Ascea dovuti al fenomeno dell’erosione costiera hanno riacceso la questione degli interventi regionali eseguiti, negli ultimi anni, per risolvere il problema in modo definitivo. Interventi, costati milioni di euro, che si sono rilevati insufficienti e poco incisivi per la risoluzione dei problemi. – sottolinea Bartolomeo Lanzara, responsabile Codacons Cilento – Le proteste che ci sono giunte, da residenti e turisti, sono allarmanti. Dopo numerosi interventi economici nelle zone più colpite del territorio cilentano ancora non si riesce a capire i fondi stanziati, in questi anni, dalla regione, ai comuni costieri del Cilento come sono stati impiegati considerato gli scarsi risultati raggiunti. Insomma, occorre un intervento urgente della Regione per la redazione di un piano strategico comune a tutti i comuni della costiera colpiti dal fenomeno.

Il Parco del Cilento, Vallo di Diano e Alburni ha ben 100 chilometri di coste tra le più belle della Campania. – afferma Bartolomeo Lanzara del Codacons – Uno straordinario patrimonio che di anno in anno registra un costante restringimento. A pagare però non possono essere i cittadini che hanno il diritto di proteggere le loro abitazioni o gli operatori turistici. Il problema dell’erosione costiera nel Cilento è un problema atavico. Le responsabilità sono molteplici e vanno da una edificazione selvaggia e disordinata delle nostre coste cominciata negli anni ’60, all’uso indiscriminato delle risorse naturali come è accaduto con l’estrazione di inerti lungo le foci dei fiumi o direttamente sulle spiagge.

Per contrastare l’erosione – sostiene Lanzara – occorrerebbe un intervento della regione più incisivo per salvaguardare la costa cilentana. Troppi interventi si sono alternati nel tempo senza risolvere il problema. Concedere finanziamenti per interventi tampone vuol dire sperperare denaro pubblico senza risolvere i problemi. Secondo noi andrebbe aperta una discussione e indagine tecnica per analizzare bene gli studi e soluzioni già prospettate dal CNR, Università e Autorità di Bacino e, finalmente, contrastare seriamente il fenomeno dell’erosione delle spiagge che stanno scomparendo, evitando un costante utilizzo di denaro pubblico che rappresenta solo un palliativo nella risoluzione del problema.

© Diritti Riservati

Redazione
Redazione
Nota - Questo articolo viene riportato integralmente come inviatoci. La Redazione ed il Direttore Editoriale non si assumo responsabilità derivanti da notizie o fatti inesatti o non veritieri.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

A governare il radicale cambiamento di circolazione è la situazione in quota. A 500 hPa si avvicina una ondulazione del flusso atlantico, con una saccatura da cui si isolerà un vortice freddo e instabile.
Acque cristalline, luoghi unici per le loro bellezze paesaggistiche, attenti alla sostenibilità ma anche alla tutela della biodiversità.
Inno alla lentezza per ammirare le immense bellezze del Cilento in programma sabato prossimo, 22 giugno 2024.

Articoli correlati

Dallo stesso Autore