23.9 C
Sessa Cilento
domenica, 23 Giugno 2024
Prima PaginaNotizie dalla CampaniaA Napoli, una manifestazione contro il carovita e le bollette

A Napoli, una manifestazione contro il carovita e le bollette

A Napoli il 5 novembre si terrà la tappa campana della mobilitazione “Insorgiamo”. Il corteo, come annunciato questa mattina nel corso di una conferenza stampa tenuta dai promotori, partirà sabato alle 14 da piazza Garibaldi. Ci saranno i disoccupati del movimento di lotta 7 novembre, ma anche gli attivisti per il clima di Fridays for Future, il collettivo di Fabbrica ex Gkn, il movimento nato per far fronte al caro bollette Noi non paghiamo, il movimento per il diritto all’abitare di Roma, collettivi studenteschi e anti Terra dei Fuochi e altri.

Una manifestazione nazionale per ribellarsi contro la crisi e il carovita, ma anche per chiedere politiche attive per il lavoro, contro disoccupazione e precariato, il mantenimento del reddito di cittadinanza, interventi in difesa del clima e dell’ambiente.

 “La dignificazione delle lotte al Sud non può più attendere – così gli organizzatori -, il meccanismo repressivo contro le e i disoccupati e la criminalizzazione classista del reddito di cittadinanza va fermata ora. Perché la guerra è qui e ora, nella Terra dei Fuochi, è guerra di rifiuti, di impatti ambientali, di caporalato, di corpi che affondano nel Mediterraneo, di affarismo, menzogne e ipocrisia”.

“Ospiteremo a Napoli un’altra tappa di “Insorgiamo” attorno alla nostra lotta per un salario e un lavoro socialmente necessario che coniughi i bisogni sociali delle nostre città con l’urgenza di un salario garantito per campare: messa in sicurezza dei territori, bonifiche, potenziamento dei servizi sociali – chiarisce Eduardo Sorge del Movimento di lotta disoccupati 7 Novembre -.

Per questa lotta siamo colpiti da una repressione che vorrebbe fermare il protagonismo di tanti proletari di questa città che si sono organizzati per emanciparsi dalla marginalità sociale. Lo faremo con una mobilitazione chiara contro la guerra e i costi sociali, il carovita e la precarietà scaricata sui lavoratori e gli strati popolari. Per combattere contro la guerra è necessaria la lotta contro i piani dei nostri governi, le spese militari, lo sfruttamento sui luoghi di lavoro, gli extraprofitti delle multinazionali che speculano sull’energia, le basi militari a danno della spesa sociale”.

© Diritti Riservati

Nadia Cozzolino
Nadia Cozzolino
Giornalista professionista. Collabora con l'agenzia di stampa Nazionale "Dire". Fonte: Agenzia DiRE - www.dire.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

A governare il radicale cambiamento di circolazione è la situazione in quota. A 500 hPa si avvicina una ondulazione del flusso atlantico, con una saccatura da cui si isolerà un vortice freddo e instabile.
Acque cristalline, luoghi unici per le loro bellezze paesaggistiche, attenti alla sostenibilità ma anche alla tutela della biodiversità.
Inno alla lentezza per ammirare le immense bellezze del Cilento in programma sabato prossimo, 22 giugno 2024.

Articoli correlati

Dallo stesso Autore