Home Notizie Locali “Il fascismo tra conservazione e rivoluzione”. Il nuovo libro del prof. Francesco Volpe
Notizie Locali - 25 Ottobre 2019

“Il fascismo tra conservazione e rivoluzione”. Il nuovo libro del prof. Francesco Volpe

Francesco Volpe è tra i massimi esperti di storia del territorio cilentano, già docente di Storia moderna e Storia sociale presso l’Università degli Studi di Salerno.

“Il fascismo tra conservazione e rivoluzione”, è questo il titolo del nuovo libro del professor Francesco Volpe, prossimo ospite della Fondazione Giambattista Vico. Sabato 26 alle ore 18.00, presso la residenza storica del Castello di Vichiano a Vatolla, il professor Volpe presenterà la sua ultima opera. Saranno presenti e porteranno il proprio prezioso apporto il presidente onorario della Fondazione Vincenzo Pepe e Claudio Aprea, direttore del Flag “Cilento Mare Blu”. 

“Il Fascismo tra conservazione e rivoluzione” non è un semplice lavoro basato su un importante momento della storia italiana ma un testo che ne discerne alcuni aspetti fino ad ora poco attenzionati dalla cultura di massa. Ideologie sulle quali si è basato l’intero sistema fascismo, movimento politico fondato da Benito Mussolini nel 1919, per trasformarsi in partito politico nel 1921 e in regime l’anno successivo, inizio del Ventennio. Idee che contenevano, inevitabilmente, germi del futuro. Figura centrale su cui si basa l’opera di Volpe è Giuseppe Bottai, uomo politico fondamentale nella storia del Fascismo, fattivamente attivo nella nascita dei Fasci Italiani di Combattimento. Aspetti di carattere economico, sociale e culturale che influenzarono il tempo, prime avvisaglie di epocale cambiamento per la storia mondiale.

Se ne parlerà approfonditamente sabato, laddove il filoso napoletano Vico venne ammaliato dall’aria, dalla vista, dall’“ottimo sito”, dalla “perfettissima aria” e dove trovò l’ispirazione per la “Scienza Nuova”. «Continuano gli appuntamenti culturali della nostra Fondazione – spiega il presidente onorario – col professor Volpe si aggiunge grande qualità ad un già complesso mosaico costruito negli anni. Parleremo di fascismo con uno sguardo e un approccio diversi, lontani dai canoni a cui siamo stati abituati anche per averne una lettura nuova e maggiormente efficace».

Dello stesso avviso è il direttore del Flag: «Inutile ribadire il ruolo della Storia nella formazione di ogni individuo – sottolinea – in particolare di quella che è a noi prossima proprio come l’argomento di cui parleremo col professor Volpe. Un viaggio nel passato con una macchina del tempo del tutto innovativa». 

(Comunicato stampa)

 

Commenti

Potrebbe Interessarti 

Check Also

La terapia del sorriso. Natale all’Ospedale San Luca di Vallo della Lucania

E’ accaduto l’anno scorso e sarà nuovamente replicato questo Natale 2019. Ancora una volta…