9.5 C
Sessa Cilento
sabato 26 Novembre 2022
HomeNotizie LocaliTrenitalia:collegamenti più semplici tra Roma ed il Cilento

Trenitalia:collegamenti più semplici tra Roma ed il Cilento

E dopo aver ottenuto, da Aprile 2019, alcune fermate del Frecciarossa sulla tratta Milano Sapri, da Giugno 2019 sarà ancora più facile raggiungere la Capitale, con alcune fermate nella stazione di Vallo della Lucania del treno Frecciabianca.

Il treno, percorrerà la tratta Roma – Reggio Calabria ed effettuerà delle fermate, si vocifera per tutto l’anno, due all’andata e due al ritorno, secondo i seguenti orari: alle ore 13.10 e 16.57 in direzione sud; mentre alle 12 e alle 16.10 in direzione nord.

[themoneytizer id=”28893-23″]

Anche se la tratta che interessa il nostro territorio non è provvista di infrastrutture necessarie per l’alta velocità, è comunque un piccolo tassello che si aggiunge ad altri interventi in atto che potranno rendere maggiormente fruibile ed appetibile, in termini di turismo, il nostro territorio.

Come riporta Salerno Today, il senatore Castiello del Movimento 5 Stelle ha mostrato tutta la sua soddisfazione riguardo la fermata del Frecciabianca a Vallo della Lucania – Castelnuovo Cilento.

[themoneytizer id=”28893-23″]

«Con nota ufficiale dello scorso 11 marzo a me personalmente diretta, le Ferrovie dello Stato hanno comunicato che, in accoglimento di una mia espressa ed insistita richiesta avanzata sin dalla data del mio insediamento in Senato (24 marzo 2018) è stata deliberata la fermata a Vallo della Lucania – Castelnuovo del Frecciabianca Reggio Calabria – Roma e reciprocamente Roma – Reggio Calabria per ben 4 corse al giorno complessivamente.

Si tratta di una vittoria storica! Per tal modo l’inclusione nel circuito dell’alta velocità non è limitato ai soli fine settimana e ad alcuni mesi dell’anno, ma copre l’intero arco dell’anno, per 365 giorni. Un tassello importante che va a contrastare il temibile fenomeno dello spopolamento delle nostre aree interne, dal momento che intorno alla stazione di Vallo della Lucania- Castelnuovo orbitano ben 34 comuni.

Il prossimo passo è quello di collegare in maniera capillare ed efficace i comuni con lo scalo ferroviario, in modo da garantire la continuità del trasporto pubblico locale e favorire, così, l’inclusione del nostro territorio all’interno di circuiti turistici ben più ampi» – queste le parole di Castiello.

Redazione Notizie
Redazione Notizie
Cronaca e notizie. Aggiornamenti e news quotidiane dai principali paesi del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano, Alburni e dall'intera provincia di Salerno. ... Notizie , Cronaca, Attualità, Territorio, Invia la tua segnalazione : redazione@cilentoreporter.it

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Articoli correlati

Continue to the category

Devi leggere

Meteo forti temporali: la Campania passa da allerta gialla ad arancione

Peggiora il maltempo sulla Campania tanto che la Protezione civile regionale ha emanato un nuovo avviso

Addio a “nonna Rosetta”. Ha reso popolari le tradizioni del sud Italia

Addio nonna. "Ti chiamiamo nonna, perché per tutti noi sei stata veramente una nonna, oltre che la nostra migliore amica”. Così sul profilo Instagram...
Contattaci su WhatsaApp

Agricola: spesa e territorio. Ogni sabato l’opportunità per conoscere il Vallo di Diano

Comprare direttamente dai produttori comporta molteplici vantaggi, tra cui portare in tavola prodotti più freschi, più salubri e fare un gesto che sostiene concretamente il proprio territorio e la sua...

A Camerota un nuovo appuntamento di “Liber Fest”: Libri per un pensiero libero

Sabato 19 novembre, alle ore 18:30, presso la sede della Fondazione Meeting del Mare C.R.E.A a Camerota, Flavio Giordano presenterà il suo ultimo libro, dal titolo "Sognando...

Al museo archeologico romano di Positano un cantiere didattico dell’Istituto centrale per il restauro del Ministero della Cultura

Nel mese di novembre avrà inizio il cantiere didattico ICR per lo studio e la conservazione dei dipinti murali della domus ipogea del Museo Archeologico Romano (MAR) di Positano.

Dallo stesso Autore