Chi sono…….? o chi credo di essere !!?

.. mi chiamo Alessandro Giordano, nato un giorno, di un mese dei 12, di qualche …ennio fa. Dal Marzo 2015 racconto la nostra terra, il Cilento, mostrandolo con gli occhi di chi la ama, la vive e vuole contribuire a farla apprezzare di più ai turisti e ai Cilentani stessi.

La Storia, la Cultura, le Tradizioni e le Contraddizioni, il patrimonio artistico, gli eventi e le iniziative in programma che ritengo più interessanti segnalare, i musei, le attrazioni e le proposte per i turisti, il cibo ed i prodotti del territorio sono i temi principali dei miei articoli.

Buona lettura !

A proposito di me:

Descrivo il mio carattere con tre aggettivi.  Ironico, malinconico, polemico.

Quando mi guardo allo specchio mi sento in pace con me stesso?

A volte Ni.

La vita mi sta portando dove volevo?

Rispondo con una frase di Bertolt Brecht “Ci sedemmo dalla parte del torto perchè tutti gli  altri posti erano occupati”.

Tre cose per cui vale la pena vivere.

Ne basta una: scoprire come andrà a finire…

Il giorno che non dimenticherò facilmente?

Di quale anno?

Dovessi tornare indietro rifarei tutto?

Si. Ma in un Paese diverso dall’Italia…..

Ho più nemici o più amici?

Spero nemici. Perchè sono meno falsi di certi amici.

Le tre cose di questo tempo che mi fanno più schifo?

Corruzione, partitocrazia e mancanza di meritocrazia.

Il ricordo più bello della mia vita?

Il giorno che ho adottato un cagnolino e poi un gattino trovati per strada.

La frase o parola che dico più spesso durante la giornata?

Luna (è il nome del mio cane).

La cosa che mi fa più paura?

La paura di avere paura.

Doccia o bagno?

Bagno. Serve anche per riflettere.

Giorno o notte?

La sera e sono incazzato la notte.

Il personaggio pubblico che ammiri di più?

Papa Francesco

E quello che stimo di meno?

Beh, c’è l’imbarazzo della scelta.

Il tuo colore preferito?

Black and white.

Il film?

I Cento PassiBagdad Cafè

L’attore?

Carlo Verdone

L’attrice/i?

 Monica VittiAnna MagnaniSophia Loren

La/e canzone/i ?

What A Fool Believes (Michael McDonald) – Calling You (Jevetta Steele)

Il cantante/i?

Michael McDonaldTeddy PendergrassLuther VandrossLucio Dalla

Il libro?

 La pensione Eva (Andrea Camilleri)

Lo scrittore/scrittrice?

Andrea Camilleri e Ennio Flaiano.

Potrebbe interessarti leggere

  • Il professor Gerardo Botti, originario di Sessa Cilento,  è il Direttore Scientifico dell’IRCCS Pascale di Napoli

    Il professor Gerardo Botti, originario di Sessa Cilento,  è il Direttore Scientifico dell’IRCCS “Istituto Nazionale per lo Studio e la Cura dei Tumori Fondazione G. Pascale” di Napoli. Il ministro Giulia Grillo con apposito decreto, emanato il 23 Agosto 2018 , ha conferito l’incarico per 5 anni all’illustre medico. Il professor Gerardo Botti ,  aveva già ricoperto il ruolo di direttore ad interim del Dipartimento di Oncologia Sperimentale dal 2004 al 2006, nonchè direttore del Dipartimento di Patologia dello stesso Ospedale. Tutt’ora è patologo di riferimento nel Progetto Nazionale TESEO di Telepatologia degli Istituti di Ricerca Oncologici a Carattere Scientifico, con riferimento nel Progetto Nazionale Banca dei Tessuti degli Istituti di Ricerca Oncologici  e nel Progetto Europeo BBMRI e della Rete Italiana Bio banche patologiche di tessuti d’archivio.scientifiche. Auguri al professor Botti che in questi anni si  è distinto per i suoi importanti meriti scientifici e per l’impegno dedicato alla prevenzione e alla cura delle più importanti neoplasie ed alla promozione della salute e del benessere  

  • Un automezzo tutto Cilentano

    “Cippappà” – Sostantivo maschile singolare del dialetto cilentano. Non ha un omologo nell’italiano. E’ un neologismo adoperato per indicare uno speciale veicolo agricolo a quattro ruote, alimentato a benzina agricola, nella doppia versione – con cabina o senza – e cassone retrostante. L’uso e la diffusione di questo termine segnano il definitivo abbandono di un’agricoltura praticata con l’utilizzo dei tradizionali mezzi animali quali l’asino e il mulo. per il trasporto dei prodotti della terra. Tuttavia, per quanto il “cippappà” abbia sostituito l’utilizzo arcaico dei mezzi animali, pare non abbia completamente seppellito i modi, i tempi e le cadenze di una cultura della lentezza. Lento il contadino faceva ritorno a casa all’imbrunire accanto o in groppa al mulo o all’asino, e lenta rimane ancora l’andatura del moderno conducente di “cippappà” incurante della velocità dell’automobile con la quale deve quotidianamente confrontarsi lungo le strade provinciali. Un confronto che, non di rado, si esplica con forme conflittuali, specie lungo quelle stradine provinciali dell’interno che in molti tratti non sono abbastanza larghe da consentire un sorpasso o che sono tutte un susseguirsi di curve che fanno desistere da qualsiasi azzardo di superamento e inducono a mantenersi quieti nell’attesa di un rettilineo. Non di rado, …

  • Alici mollicate alla Cilentana

    Una classica ricetta dei pescatori cilentani, veloce, economica e saporita, il piatto tipico della tradizione marinara e per gli amanti delle alici. Una ricetta proveniente dai vecchi pescatori che nella preparazione utilizzavano tegami di terra cotta, poi infornati e serviti con lo stesso contenitore. Con questa mia preparazione andrò a cambiare solo il metodo di cottura senza alterare la ricetta classica Cilentana. Una gustosa alternanza di alici, mollica di pane, olio, origano e aglio . Ingredienti per 4 persone 1 Kg di Alici di Menaica 200 gr di Mollica di Pane raffermo 2 Spicchi di Aglio tritato Prezzemolo tritato q.b. Origano di Selvatico q.b. Succo di 2 Limoni Foglie di Limone non trattate in base a quante alici vorremmo comporre 100 gr di Cacio Ricotta grattugiato Olio E.V. di Oliva Dop Cilento q.b. Sale e Pepe q.b. Procedimento Lavate e spinate le alici togliendo anche la coda. Lasciatele qualche minuto in un cola pasta,lo stesso fatelo con le foglie del limone. In una ciotola per abbreviare e semplificare tutto il procedimento preparate un pane profumato con la mollica del pane, l’aglio tritato finissimo,una manciata di prezzemolo tritato, il formaggio grattugiato,del succo di limone,una spolverata di origano, sale e pepe. Impastate …

  • Il Luparo, una figura nella tradizione del Cilento

    Cilento una terra ricca di storie e di tempo , le cui campane scandiscono il ritmo delle narrazioni intorno a focolari che rischiarano le tenebre di quelle lunghe notti  e che tramandano biografie e ritratti di uomini e cacciatori di lupi, pionieri dell’ultima frontiera i cui fantasmi  appaiono e scompaiono tra  le torri di fumo della memoria e del mito. Il luparo, cavaliere della civiltà contadina a cui il pastore affidava una missione salvifica, l’uccisione della bestia e la salvaguardia degli armenti, eroe che riceveva gli onori della battaglia esibendo nella piazza del villaggio il corpo esanime dell’animale celebrando il dominio dell’uomo e dell’audacia sulla ferocia della bestia. Da sempre, i nativi Cilentani, hanno lavorato come pastori, boscaioli, mulattieri ma anche Lupari. Sui monti, l’ardua lotta per la sopravvivenza ingaggiata tra pastori e lupi deve conoscere radici tanto antiche da potersi, senz’altro, definire remote. Dall’alto di palchi di legno, appositamente elevati, i “lupari” d’un tempo facevano fuoco sui lupi, dopo averli astutamente attratti con carogne, appese, per le zampe, a pali ed alberi, o accatastate, alla rinfusa, sul terreno. Il Lupo era visto spesso come una sorta di entità demoniaca, tanto che per difendersi dai suoi attacchi venivano officiate, da …

  • L’ Accademia della Vrenna analizza “Spataccià”

    Verbo del dialetto cilentano, qui nella forma contratta all'infinito, che non ha un termine corrispondente nella lingua italiana. Indica la condotta di chi si prodighi in sproloqui specie contro un qualcuno ben individuato, a ruota libera

  • Pastorelle o Pasticelle Cilentane

    Le Pastorelle  Cilentane sono dolci tipici della tradizione Natalizia Campana, sono detti anche Pasticelle  e sono molto diffusi nel Cilento.

  • Il Prof. Botti:”La prevenzione è la miglior cura contro il cancro”

    Il direttore scientifico dell’Istituto Nazionale Tumori Fondazione Pascale, prof. Gerardo Botti è sicuro della convenienza e dell’efficacia della prevenzione. ”La prevenzione è la miglior cura contro il cancro e abbatte i costi del 75%” fonte: AdnKronos

  • Nei matrimoni del Cilento non mancavano mai!

    Dolci di altri tempi, ma che ancora oggi vengono preparati e sono le delizie del Cilento, un antenato delle brioches che oggi mangiano, quasi a dismisura, i nostri bambini. Sono “mustacciuoli” o dolci della sposa Cilentani.

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker